Cadeo, nuove aiuole che profumano di integrazione e corresponsabilità

Cefal e MCl  affiancano il Comune nella riqualificazione del verde urbano

I lavori

Cefal e MCL insieme a favore della comunità civile di Cadeo. E' avvenuto in questi giorni, con la presa in carico da parte dei due enti di aiuole e fioriere  del centro paese, che da alcuni giorni hanno riacquistato nuovo splendore grazie all'intervento dei giardinieri di GeoCart. «Il territorio e il decoro urbano devono stare a cuore a tutti - ricorda Marco Bricconi, sindaco di Cadeo - dal 2015 con apposito regolamento promuoviamo una nuova via per interventi a favore di Roveleto e dintorni, attraverso sponsorizzazioni tecniche o finanziarie che puntino a riqualificazione e migliorie».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2018 le prime ad aver risposto all'appello sono stati due esercizi commerciali: "La Farmacia del Santuario" e "Settebello abbigliamento". Ad essi si aggiungono Cefal ed Mcl impegnati a Cadeo con il progetto di accoglienza di giovani richiedenti asilo. «Ringraziamo Cefal e Mcl per questo gesto che ha il sapore della solidarietà ma anche dell'integrazione - aggiunge il vice sindaco Marica Toma - I  giovani richiedenti asilo accolti a Cadeo presteranno direttamente servizio nella manutenzione delle aiuole a fianco degli operatori Geocart». «Fin dall'inizio abbiamo collaborato con il Comune di Cadeo per realizzare azioni di volontariato e socialmente utili - spiega Fabio Federici, responsabile Cefal dell'Emilia Romagna -. Con questa nuova collaborazione, che operiamo a fianco della  cooperativa sociale Geocart, abbiamo una preziosa occasione per essere visibili sul territorio. Nella cura di queste aree verdi si metteranno in gioco a rotazione i 15 richiedenti asili ospitati a Cadeo». «Rinnovo l'appello ad  esercenti e cittadini a mettersi in gioco - conclude  l'assessore Massimiliano Dosi -. Mettere a disposizione risorse economiche o tecniche a favore del proprio territorio comunale non ha nulla a che fare con la beneficenza; significa avere la piena consapevolezza che per migliorare la vivibilità e il benessere comune occorre la partecipazione di tanti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Ubriaco non si ferma allo stop e si schianta: “Si sono rotti i freni”

  • Covid-19, a Piacenza oggi 29 maggio non ci sono né decessi né contagiati: è la prima volta

Torna su
IlPiacenza è in caricamento