Anche il questore aderisce alla petizione Coldiretti contro il cibo anonimo

Coldiretti con Campagna Amica protagonista a Cortemaggiore per la fiera di San Giuseppe: il presidio istituzionale dell'organizzazione ha proseguito la raccolta firme della petizione europea "Eat Original! Unmask your food" per l'etichettatura d'origine su tutti gli alimenti

Il questore Ostuni firma la petizione

Coldiretti Piacenza grande protagonista a Cortemaggiore, dove nell'ambito della storica fiera di San Giuseppe ha organizzato molte iniziative. La piazza magiostrina ha ospitato infatti il mercato di Campagna Amica, all'interno del quale il presidio istituzionale dell'organizzazione ha proseguito la raccolta firme della petizione europea "Eat Original! Unmask your food" per l'etichettatura d'origine su tutti gli alimenti. Ad aderire alla mobilitazione contro il cibo anonimo anche le autorità che hanno preso parte al Corteo della fiera, in particolare il questore di Piacenza Pietro Ostuni, il consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri, il sindaco di Cortemaggiore Gabriele Girometta e il primo cittadino di Fiorenzuola Romeo Gandolfi.
Tra le attività organizzate durante la mattinata che Coldiretti ha dedicato alla primavera, un approfondimento sul miele curato dall'apicoltrice Chiara Concari e dalla dietista Monica Maj.
Presenti la responsabile di Coldiretti Donne Impresa Francesca Bertoli Merelli e il delegato di Coldiretti Giovani Impresa Davide Minardi che hanno affiancato il presidente provinciale Marco Crotti e il segretario di zona Franco Fittavolini.

coldiretti campagna amica-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • «Salvini con il rosario in mano? A Cortemaggiore si è anche inginocchiato in chiesa, magari facessero tutti così»

  • Massimo la uccide e poi le scrive su WhatsApp. Perazzi chiamò due volte i carabinieri

Torna su
IlPiacenza è in caricamento