Concorto film festival, al via la call per l’edizione 2019

C’è tempo fino al 15 aprile per i film completati nel 2018 e al 31 maggio per i film completati nel 2019. In attesa delle giornate di Concorto ad agosto, la nuova locandina del festival firmata dall’artista Giovanna Lopalco.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Il Concorto Film Festival, diventa maggiorenne e dal 17 al 24 agosto, porta, com’è consuetudine a Pontenure in provincia di Piacenza, una selezione dei cortometraggi più interessanti da tutto il mondo. Si apre quindi la call per poter partecipare alla diciottesima edizione per la quale è già pronta la spaziale locandina firmata dall’artista Giovanna Lopalco.

IL BANDO

Per inviare il proprio lavoro e consultare il bando è possibile andare sul sito ufficiale http://concortofilmfestival.com/iscrivi-il-tuo-film/ e leggere attentamente le indicazioni relative all’iscrizione, gratuita, del proprio film. Non ci sono limitazioni riguardo al tema e al genere dei cortometraggi mentre è fondamentale che le opere siano state completate nel 2018 o 2019. La durata massima non deve superare i 20 minuti ed i formati di proiezione accettati sono i seguenti: file digitali (Apple ProRes o H264) o DVD (regione 0/2, pal). I partecipanti si sfideranno per conquistare il prestigioso e ambìto “Asino d’Oro” (miglior film), il Premio speciale della giuria, il Premio “L’Onda” assegnato da una giuria di giovani ed il Premio del pubblico. IL VISUAL Oltre al cinema e alla musica che contraddistinguono la settimana di Concorto, dallo scorso anno, nella galleria del giardino di Palazzo Ghizzoni Nasalli a Piacenza si tiene una mostra pensata per mettere in luce gli artisti che realizzano la locandina del festival. Dall’asino-prisma 2018 di Silvia Idili si passa quest’anno all’asino luminescente di Giovanna Lopalco, alias Pelo di Cane. L’asino che fluttua su un gigantesco palloncino, immagine che accompagnerà e identificherà Concorto per tutto l’anno, porta alla mente una curiosa analogia. Il pallone aerostatico nella sua accezione più nota – la mongolfiera – fu inventato dai fratelli Montgolfier quasi cento anni prima che una simile coppia di arguti francesi, i celeberrimi fratelli Lumière, inventassero il cinema. E questo asino dinoccolato, sornione, agghindato come una piñata messicana, è il trait d’union più azzeccato che si potesse immaginare. Felicemente “a cavallo” di un luccicante palloncino giallo, sembra quasi una allucinazione onirica degna di Georges Méliès. Un asino che viene da lontano, ideato e disegnato in Galizia, uno degli avamposti più a ovest d’Europa e che con il suo calmo e leggero fluttuare ci accompagna ancora più lontano, e in alto. Sarà quindi Giovanna Lopalco, la protagonista della mostra 2019 che vedrà disegni, acquerelli, illustrazioni, ceramiche e azulejos, un tuffo nei colori e nell’immaginario cinetico e animato di questa poliedrica artista.

GIOVANNA LOPALCO/ PELO DI CANE

Nasce a Mesagne nel 1982. Studia animazione presso il Centro Nazionale di Cinematografia di Torino. Dal 2009 lavora come background artist in diversi cortometraggi e lungometraggi d'animazione come: “Kérity la maison des contes", "Pinocchio", “Sangre de Unicornio”, “Psiconautas”, “Ethel and Ernest”. Nell'ambito di una residenza d'artista presso la “Maison des Auteurs” ad Angoulême”, in Francia, sviluppa un progetto di cortometraggio “Un grain de sable”. Dal 2011 vive in Spagna, in Galizia, dove concilia il suo lavoro nel campo dell'animazione con quello d'autrice/ illustratrice. http://giovannalopalco.tumblr.com http://www.giovannalopalco.it www.instagram.com/pelo_di_cane ***

CONCORTO FILM FESTIVAL

Concorto Film Festival nasce nel 2002 e nel corso degli anni è divenuto un punto di riferimento italiano nel mondo del cortometraggio. Ogni anno, alla fine di agosto, nella splendida cornice di Parco Raggio a Pontenure, i cortometraggi facenti parte della selezione finale vengono proiettati alla presenza dei loro autori e una giuria di professionisti del settore decreta il vincitore del primo premio, l’Asino d’Oro. Organizzato dall’Associazione Concorto, oggi il Festival riceve più di 3.500 corti ogni anno e richiama giovani film-maker da tutto il mondo al loro debutto dietro la macchina da presa e non. Concorto, inoltre, fa parte da qualche anno della delegazione italiana al più prestigioso festival mondiale di cortometraggi (Clermont-Ferrand), oltre che della Short Film Conference, l'organismo che raggruppa i principali festival di cortometraggi del mondo e collabora con numerosi festival internazionali (tra cui l’Internationales Kurzfilm Festival di Amburgo, Encounters di Bristol, l’Internationale Kurzfilmtage di Winterthur e Interfilm Berlin; ha prodotto due cortometraggi, organizza laboratori cinematografici e fotografici per le scuole superiori. Tra i registi passati in concorso negli anni: Denis Villeneuve, Werner Herzog, Ruben Östlund, Pippo Delbono, Ben Rivers, Jens Assur, Jean-Gabriel Périot, Laura Bispuri, Antonio Piazza e Fabio Grassadonia. Hanno fatto parte delle giurie, tra gli altri, Daniele Ciprì, Jacopo Benassi, Filippo Mazzarella, Pier Maria Bocchi, Luca Malavasi, DEM, Anita Kravos, Giuseppe Sansonna, Lidiya Liberman, Teho Teardo, Monika Bulaj, Tano D’Amico, Konstantina Kotzamani, Giulio Sangiorgio, Christos Massalas.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento