Corteo People a Milano, in prima linea anche la Cisl e la Cgil di Piacenza

Un fiume di migliaia di persone ha invaso le vie di Milano per "People-prima le persone", la manifestazione contro tutte le discriminazioni lanciata in autunno da sei sigle del terzo settore

Parte della delegazione Cisl

Un fiume di migliaia di persone ha invaso le vie di Milano per "People-prima le persone", la manifestazione contro tutte le discriminazioni lanciata in autunno da sei sigle del terzo settore (Insieme Senza Muri, Anpi, Acli, Sentinelli, Mamme per la pelle e Action Aid). Per la Cisl nella delegazione piacentina era presente anche la segretaria di Parma e Piacenza Marina Molinari e una delegazione della Cgil cittadina. Milleduecento le associazioni e comunità che hanno aerito, 700 Comuni firmatari e 20 gonfaloni. In più, nel corteo ci sono 10 carri musicali. Dopo essere partito da Porta Venezia il serpentone si si è spostato lungo l'omonimo corso fino a Piazza San Babia e successivamente fino a Piazza Duomo dove ha suonatoil dj italo nigeriano Simon Samaki Osagie, celebre per i suoi flash mob musicali a tema politico. Inizialmente la manifestazione avrebbe dovuto concludersi in piazza Duca d'Aosta, di fronte alla stazione Centrale, ma vista la grande affluenza è stato spostato l'arrivo.

Fra le personalità della cultura e dello spettacolo che hanno garantito la loro presenza Claudio Bisio, Giobbe Covatta, Malika Ayane, Silvio Soldini e il disegnatore Makkox, creatore del logo che appare sullo striscione che apre il corteo. A rappresentare il mondo della politica, oltre al sindaco di Milano Giuseppe Sala e all’assessore comunale alle Politiche sociali, Piefrancesco Majorino, che ha lanciato l'idea della manifestazione, sfilano l’ex sindaco Giuliano Pisapia, il segretario della Cgil Maurizio Landini, il segretario aggiunto della Cisl Luigi Sbarra e quello della Uil, Carmelo Barbagallo, l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, il segretario reggente e candidato alla segreteria del Pd Maurizio Martina, il presidente della Regione Lazio e candidato segretario del Pd Nicola Zingaretti, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, l’ex ministro Emma Bonino e il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

Fra le associazioni presenti ci sono Acli, Arci, Anpi, Genti di Pace, Action Aid, Emergency, Amref, Cnca, Amnesty, Libera, Passepartout, Casa della Carità, i Sentinelli e Insieme Senza Muri. Oltre a membri degli equipaggi delle navi e delle Ong che salvano i migranti in mare, come Mediterranea a Open Arms, ci sono i collettivi studenteschi, centri sociali e organizzazioni pacifiste. Presenti anche il movimento No-Cpr Mai più larger e le 'Mamme per la Pelle', i genitori di Melegnano che accompagnano la famiglia adottiva di Bakary Dandio, il 22enne senegalese contro cui sono comparse scritte razziste nel palazzo in cui abita. L'appello di "People - prima le persone" - Questo l'appello di "People - prima le persone", la manifestazione per i diritti che si tiene oggi a Milano promossa da 30 realtà, dall'Arci ai sindacati alle organizzazioni antirazziste, cui hanno aderito oltre 1000 associazioni. "Inclusione, pari opportunità e una democrazia reale per un Paese senza discriminazioni, senza muri, senza barriere" sono i motivi - come si legge nell'appello - per cui è stata promossa questa mobilitazione nazionale. Ma anche "perché crediamo che la buona politica debba essere fondata sull'affermazione dei diritti umani, sociali e civili. Perché pensiamo che le differenze - legate al genere, all'etnia, alla condizione sociale, alla religione, all'orientamento sessuale, alla nazione di provenienza e persino alla salute, non debbano mai diventare un'occasione per creare nuove persone da segregare, nemici da perseguire e ghettizzare o individui da emarginare. Noi siamo per i diritti e per l'inclusione. Noi siamo antirazzisti, antifascisti e convinti che la diversità sia un valore e una ricchezza culturale". "E nel ribadire Prima le Persone diciamo che - si legge ancora - servono, in Italia e in Europa, politiche sociali nuove ed efficaci, per il lavoro, per la casa, per i diritti delle donne, per la scuola e a tutela delle persone con disabilità. Noi ci battiamo per il riscatto dei più deboli e per scelte radicalmente diverse da quelle compiute sino a oggi in materia di immigrazione, politiche di inclusione, lotta alle diseguaglianze e alla povertà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Dino De Simone non si trova, le ricerche proseguono senza sosta

  • Tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini all'asilo

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • Ubriaco scappa dalla volante, si schianta contro un palo e poi aggredisce i poliziotti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento