Elisoccorso in Valdaveto, vicina la realizzazione di un'area di atterraggio a Cattaragna

Il Comune di Ferriere sta allestendo nella frazione una piazzola per coprire le situazioni d'emergenza in Valdaveto. Dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano un aiuto economico

l'area a Cattaragna scelta come sede della piazzola di sosta

In tempi non lunghi - probabilmente già nei primi mesi del 2020 - Cattaragna e una vasta area della Valdaveto potrebbero dotarsi di una piazzola di atterraggio per gli elicotteri del 118, del Soccorso Alpino o dei Vigili del fuoco, in caso di emergenza. È la proposta che l’Amministrazione di Ferriere ha messo sul tavolo, dopo la terribile esperienza dell’alluvione del 2015. In quell’occasione proprio l’abitato di Cattaragna, come altri della Valdaveto, rimase isolato per REPERTORIO - Eliparma elisoccorso-2alcuni giorni, a causa del crollo di alcune strade comunali e piccoli ponti di collegamento. La popolazione della frazione resistette e fu raggiunta soltanto grazie a mezzi speciali, prima della riapertura della strada, a una settimana di distanza da quel tragico 14 settembre. L’unica via percorribile (soltanto da personale preparato ed esperto), inizialmente, fu una vecchia mulattiera.

L’esperienza di quei giorni ha spinto l’Amministrazione del sindaco Giovanni Malchiodi ad agevolare i soccorsi in Valdaveto. Anche perché la richiesta è arrivata proprio dagli abitanti di Cattaragna, che si sono dati molto da fare per portare a compimento l'opera. Oltre al campo sportivo di Salsominore (mentre il capoluogo Ferriere dista oltre 30 chilometri) nei prossimi mesi la valle potrà così contare anche su una piazzola di atterraggio a Cattaragna, in un'area ricavata nei pressi del cimitero. La piazzola è stata individuata in uno spazio di 900 metri quadrati - messo a disposizione dalla generosità di alcuni proprietari - che necessita ovviamente di lavori di adeguamento. La richiesta di dotarsi di una piazzola per le emergenze è arrivata dagli stessi residenti e villeggianti della zona, che hanno anche raccolto fondi a tal proposito organizzando eventi e marce sul territorio, su impulso del circolo locale "Anspi", e si sono adoperati anche per intervenire e dare una mano in questi anni. Il Comune e i suoi uffici tecnici hanno predisposto il progetto. Il sindaco Malchiodi ha poi bussato alle porte della Fondazione di Piacenza e Vigevano per ottenere un contributo economico a favore di un progetto che cerca di agevolare la vita di chi decide di vivere in montagna. L’ente di via Sant’Eufemia ha stanziato a supporto dell’iniziativa 15mila euro. L'area è stata spianata e asfaltata e a breve verrà anche dotata di protezioni. L'Amministrazione conta di inaugurarla nella prima parte del 2020. 

piazzola Cattaragna-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

piazzola Cattaragna-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

Torna su
IlPiacenza è in caricamento