Ex chiesa del Carmine, il collaudo atteso per la metà di dicembre

Il Comune attende il collaudo per poi inaugurare e aprire le porte dell’ex chiesa, affidata in gestione a Fondazione Brodolini e Mbs

L'ex chiesa del Carmine oggi

Ma quando apre al pubblico l’ex chiesa del Carmine? Sono diversi i piacentini che se lo chiedono. Il cantiere dell’edificio di piazza Casali è terminato da tempo, non si vedono più operai lavorare dentro e fuori l’ex chiesa, ma l’inaugurazione non è stata ancora annunciata dal Comune di Piacenza. A inizio 2019 era stato indicato il mese di ottobre, ma nel percorso si è registrato qualche ritardo. Manca ancora un ultimo aspetto, prima di poter tagliare il nastro: il collaudo della struttura. Una volta ottenuto quello – dovrebbe essere la metà di dicembre il “momento buono” – l’Amministrazione potrà annunciare alla città l’apertura. Nel frattempo IlPiacenza.it vi mostra in anteprima l'interno della chiesa, come si presenta oggi, a un mese dalla possibile inaugurazione. 

ex Carmine-2

L’ex chiesa ospiterà la Fondazione Giacomo Brodolini e “Mbs” che gestirano un “Laboratorio aperto”. La durata della convenzione è di otto anni, per un valore complessivo di oltre 3 milioni e 500mila euro. «Il Laboratorio aperto del Carmine – aveva spiegato nei mesi scorsi il vicesindaco Elena Baio - sarà un hub fisico dedicato all’apprendimento e alla pratica dell’innovazione in tutte le sue espressioni: tecnologica, sociale e culturale. E con queste caratteristiche rappresenterà un vero e proprio ponte tra Piacenza e il resto del mondo. Il tutto in un’affascinante ex chiesa del Trecento, recuperata e rifunzionalizzata da parte del Comune in uno spazio urbano fruibile dai cittadini e dalle imprese, che vedrà la coesistenza di servizi di informazione sull’ambiente, la mobilità e il turismo ed eventi cittadini, con spazi attrezzati con tecnologia informatica avanzata, nel segno dell’innovazione e della sostenibilità». «Il Laboratorio Aperto di Piacenza – precisò Baio - faciliterà l’incontro tra domanda e offerta di soluzioni innovative e tecnologiche per la mobilità, chiesa carmine 2018 ok-7la  logistica e lo sviluppo  della  smart  city. Come le officine di antica tradizione, aiuterà giovani talenti a esprimere il loro potenziale e a trasformare in realtà le proprie idee. Come centro culturale, offrirà al pubblico una varietà di occasioni di informazione, formazione e intrattenimento. Intermediario per l’innovazione, laboratorio per le imprese del territorio, officina e centro culturale: questa sarà la matrice strategica e operativa della nuova chiesa del Carmine. Il Laboratorio darà dunque attuazione ai concetti di Smart community, di città diffusa e di comunità intelligente. La Smart community è infatti il luogo in cui, grazie al supporto delle tecnologie più avanzate, è possibile implementare processi e servizi inclusivi, partecipativi, democratici e personalizzabili, in risposta alle attuali sfide sociali. E’ in questo contesto che va letta e interpretata l’operazione di fare dell’ex chiesa del Carmine un grande polo attrattivo per l’innovazione aperta e sociale, applicata all’economia della città, alla mobilità sostenibile, alla logistica, al turismo e alla cultura».ex chiesa del Carmine-3

La Fondazione Brodolini e Mbs, che già gestiscono spazi analoghi a Milano, Torino, Pisa, Aosta, Modena e in altre città, offriranno l’opportunità di uno scambio di esperienze e iniziative con altri territori e centri di innovazione. Diverse realtà del territorio piacentino già in questa prima fase hanno aderito, e tante imprese, associazioni e cittadini hanno manifestato il loro interesse e il desiderio di partecipare alle iniziative del Laboratorio.

Del cantiere si è occupata una rete di imprese che ha coinvolto Edilstrade Building S.p.a., Impresa Cella Gaetano S.r.l. e Kairos Restauri S.n.c. di Luca Zappettini & C. L’importo complessivo dei lavori all’ex chiesa del Carmine è di 5 milioni e 870mila euro. L'intervento di recupero è finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, in parte con i fondi regionali del Dup, in parte con fondi del POR-FESR 2014-2020. L’associazione “Italia Nostra” ha contestato il progetto di recupero a causa della presenza di un “solettone”, un soppalco di cemento che a detta dell’associazione deturperebbe la struttura originaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ex chiesa del Carmine-4

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto vicino al suo camion, indagini in corso

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento