Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Fiorenzuola, riaperta la "nuova" piazzetta San Francesco d'Assisi riqualificata

La riqualificazione si inserisce in un progetto più ampio che ha preso il via nel 2017 e che ha visto il rifacimento in cubetti di porfido delle vie Liberazione, Maculani, Gramsci e Romagnosi. Gandolfi: «Condividiamo la restituzione di questo luogo alla città, privo di barriere e pericoli avendo ripristinato la pavimentazione prima completamente sconnessa»

 

Nuova piazzetta San Francesco d’Assisi a Fiorenzuola. In poco meno di tre mesi è stata riqualificata e nella mattinata di sabato 5 ottobre è stata riaperta alla presenza di autorità e cittadini. «Condividiamo la restituzione di questo luogo alla città – ha detto il sindaco Romeo Gandolfi -, privo di barriere e pericoli avendo ripristinato la pavimentazione prima completamente sconnessa. La piazza, ridisegnata simbolicamente con quattro alberi, ha una connotazione commemorativa legata alla chiesa di san Francesco: quattro alberi forti così come erano i quattro amici che con Francesco hanno ricostruito l'eremo di san Damiano».

La riqualificazione si inserisce in un progetto più ampio che ha preso il via nel 2017 e che ha visto il rifacimento in cubetti di porfido delle vie Liberazione, Maculani, Gramsci e Romagnosi. Il tutto per una spesa di 400mila euro, 148mila dei quali finanziati dalla Regione. I lavori sono frutto della collaborazione di Franco Sprega, dell’architetto Elena Trento e dell’ingegnere Luigi Galantin che con i rispettivi uffici del Commercio, Urbanistica e Lavori pubblici hanno coordinato tutte le fasi del progetto realizzato dalla ditta Vetrucci e progettato grazie anche all’architetto Lorenzo Bernini

Lo ricordiamo, il cantiere di piazzetta San Francesco d’Assisi, avviato lo scorso luglio, è stato oggetto di polemiche in particolare sul web e in consiglio comunale: da una parte c’era l’Amministrazione con alla mano la relazione di un agronomo. Dall’altra “Italia Nostra” che, appoggiata da Sinistra per Fiorenzuola e Movimento 5 Stelle, ha raccolto più di 460 firme per dire “no!” alla rimozione dei sette storici alberi («scelta molto difficile e giustificata» - ha detto Gandolfi); oltre che «per chiedere una corretta potatura del verde pubblico e la ripiantumazione delle piante tagliate negli scorsi anni». Al posto dei bagolari i fiorenzuolani hanno trovato quattro aceri,

Intanto l’amministrazione ha predisposto il blocco alle auto proprio nel tratto di via Liberazione che scorre sulla piazzetta, nell’ottica di valorizzare l’intervento e di preservare il carattere storico artistico della zona ed il suo significato di luogo d’incontro. I veicoli non potranno quindi più proseguire lungo via Liberazione da via Moruzzi a via Teofilo Rossi fino al 15 gennaio 2020. Dopodiché sindaco e assessori si riserveranno di decidere se mantenere in vigore o meno le modifiche viabilistiche.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento