Gropparello, "vola" la raccolta differenziata: quasi al cinquantaquattro per cento in un anno

L'invito del sindaco Claudio Ghittoni ai cittadini: «I rifiuti organici nei cassonetti? Conservateli: fungono da fertilizzanti e ci aiutano a migliorare la qualità dei nostri giardini e dei terreni, senza inquinare l'ambiente»

Foto di repertorio

Quando a Gropparello a marzo del 2018 prese il via la raccolta porta a porta dei rifiuti in molti non si aspettavano risultati esorbitanti. Eppure in poco più di un anno la percentuale di differenziata è aumentata di oltre il 25 percento, passando dal 28 del primo periodo al 53, 6 per cento a settembre di quest’anno. «In un momento in cui le tematiche ambientali sono all’ordine del giorno, nel nostro piccolo possiamo contribuire con piccoli gesti, a tenere più pulito il posto in cui viviamo e l’aria che respiriamo», dice il sindaco di Gropparello Claudio Ghittoni, che auspica «di poter raggiungere quota sessanta per cento di rifiuto Claudio Ghittoni-3differenziato nel 2020». Ad oggi ad essere servito del servizio di raccolta rifiuti di casa in casa è il capoluogo oltre alle frazioni Sariano e Castellana, ovvero le utenze che risiedono lungo la Provinciale, la spina dorsale del territorio comunale. «Per raggiungere questo obiettivo che ci poniamo come Amministrazione, occorre che tutti i cittadini effettuino correttamente lo smaltimento della spazzatura: dall’indifferenziato alla plastica, dal vetro alle lattine, al rifiuto organico». E a tal proposito Ghittoni rivolge una raccomandazione: «Perché gettare l’umido (il rifiuto organico nda) nei cassonetti quando, essendo costituito principalmente da scarti di frutti, ortaggi, può fungere benissimo da fertilizzante per i nostri terreni? Possiamo tenerlo da parte, come faccio personalmente, per poi riutilizzarlo per concimare le piante nel giardino di casa. Un metodo ecologico e più efficace dei prodotti chimici che si disperderebbero nei terreni della nostra vallata».

cibo-secchio-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

Torna su
IlPiacenza è in caricamento