Il comitato di Farini e Ferriere insiste: «Mai dubitato degli infermieri, però vogliamo la presenza del medico h24»

Si è riunito il neonato comitato “Vivere sicuri in Alta Val Nure” (150 adesioni) pronto a protestare anche bloccando la circolazione sulla provinciale 654

Sotto, Giovanni Bracchi

Si è riunito nel salone parrocchiale di Farini il comitato “Vivere sicuri in Alta Val Nure”, che in pochi giorni ha già raccolto centocinquanta adesioni. Al confronto pubblico, organizzato dai due portavoce (il consigliere di minoranza di Farini Giovanni Bracchi e Claudio Barbieri per Ferriere), erano presenti una cinquantina di persone dei due comuni. Presente all’incontro anche il consigliere di minoranza di Ferriere Giampaolo Mainardi. Bracchi ha illustrato la storia del centro di primo intervento farinese, da quando si è formato fino a oggi. Secondo il consigliere, da due anni a questa parte le cose sono cambiate in peggio. «Non ci sta bene – puntualizza - che il medico del 118 h24 di fatto sia diventato di sole dodici ore. La nostra protesta non coinvolge l’alta professionalità e competenza degli infermieri del 118, che non Giovanni Bracchi-2mettiamo in dubbio. Il fatto è che l’assenza del medico in diverse situazioni, per motivi di protocollo, prevede il ricorso e il viaggio fino a Piacenza per diagnosi, dimissioni, suture, somministrazioni di farmaci. È per questo che riteniamo indispensabile la presenza del medico con infermiere. Non c'è mai passato per la testa di mettere in discussione la preparazione professionale dell’infermiere che, pur in condizioni di grande difficoltà, danno il meglio possibile». Bracchi, dopo aver letto la replica dell’ordine degli infermieri, si dice dispiaciuto per la loro reazione. «Questa polemica non piace a nessuno, non abbiamo mai messo in discussione la loro professionalità. Davvero, il tema è un altro: non è colpa di nessuno se loro non sono autorizzati dal protocollo a fare certe cose. Siamo disponibili a confrontarci anche con loro, se lo vorranno».

Durante la serata è intervenuto anche il sindaco di Farini Cristian Poggioli, che ha garantito il suo impegno e quello dell'Amministrazione per risolvere il gravoso problema, pur comprendendo le difficoltà dell’azienda Ausl. Il comitato vuole farsi sentire ed è disponibile anche ad azioni eclatanti per sensibilizzare l’azienda Ausl e le istituzioni sul problema: anche manifestare a Bettola al lunedì, durante il tradizionale mercato, bloccando la circolazione sulla provinciale Valnure 654 all’altezza del ponte.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il fungaiolo disperso in Valdaveto

  • Il "Borgo dei borghi" 2019 è Bobbio

  • Lo abbraccia e lo rapina del Rolex da 30mila euro

  • Gli alpini invadono Piacenza: la festa è grande!

  • Piacenza e provincia: gli eventi da venerdì 18 a domenica 20 ottobre

  • Cisterna trascinata dalla piena, vigili del fuoco e pontieri in azione per il recupero

Torna su
IlPiacenza è in caricamento