«Il dehors è abusivo e va smontato». La polizia municipale intima la rimozione all'Aris Cafè

Gli agenti hanno delimitato l'aera esterna del locale di vicolo Perestrello dopo l'ordinanza del maggio scorso

I nastri di delimitazione apposti dagli agenti

E' intervenuta la polizia municipale per intimare al titolare dell'Aris Cafè di vicolo Perestrello di smontare il Dehors ritenuto abusivo dal Comune. Nel maggio scorso era scattata l'ordinanza, e in questi giorni, al termine della scadenza, gli agenti hanno delimitato l'accesso all'area con la fettuccia bianca e rossa, mentre gli operai del comune hanno fatto sparire anche i grossi vasi di fiori che delimitavano l'aera esterna del locale. Al titolare Luca Olcelli pare dunque non rimanere alcuna scelta se non smontare la pedana esterna in legno e la relativa copertura, onde evitare che il Comune lo faccia di propria iniziativa salvo poi addebitargli le spese. Gli accertamenti della polizia municipale, all'epoca, parlavano di irregolarità riguardo quell'occupazione di suolo pubblico da circa 98 metri quadri pare «senza concessione comunale», come riportato nell'ordinanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Tragico tamponamento fra Tir, autista muore schiacciato nella cabina

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

Torna su
IlPiacenza è in caricamento