Il "re panettone" arriva sulla tavola di Natale e fa un regalo alla Casa di Iris

Lo chef televisivo Daniele Persegani testimonial dell’iniziativa dei panificatori a favore dell’Hospice.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

«Da mangiare in compagnia, in famiglia o come volete. Mangiatelo comunque, perché quando si commette un peccato tanto vale commetterlo bene…». Così lo chef Daniele Persegani invita i piacentini a partecipare all’iniziativa dei Panificatori di Piacenza e provincia in favore dell’Hospice La Casa di Iris: “La leggenda del RE Panettone”, l’acquisto dei panettoni originali, quelli artigianali, quelli di una volta che solo i panificatori sanno realizzare e il cui ricavato andrà appunto all’Hospice. Alla conferenza di presentazione lo chef Persegani, testimonial dell’iniziativa, ha evidenziato come «non solo il panettone, ma tutte le eccellenze della cucina italiana dovrebbero essere dichiarate patrimonio dell’Unesco. Credo – ha affermato lo chef – che i nostri piatti, dai pisarei alla pizza napoletana, possano solo essere invidiati dal resto del mondo. Basti pensare alla differenza qualitativa tra la nostra cucina e quella francese che è tanto pubblicizzata ma ha ben poca sostanza». Annuisce il presidente dei panificatori Alberto Sala che, insieme a Persegani, ha tagliato uno dei tre panettoni da 10 chili infornati per l’occasione e per lo stand natalizio in Piazza Cavalli: «Certo qui non ci sono polverine di uova o profumo di farina…questi sono panettoni originali, fatti con il 45% di grassi, come vuole la tradizione e lievitati per un numero di ore tale da essere identificati come veri panettoni. Le calorie non si contano, altrimenti ci si toglie il piacere di mangiarlo. Quando poi, al gusto associ anche la beneficienza e il fatto di essere utili a chi ha bisogno, allora la soddisfazione è massima». Lo pensa anche il sindaco di Castelvetro, Luca Quintavalla, presente alla conferenza in duplice veste di amministratore provinciale e di amico dello chef Persegani: «Credo che la presenza di Daniele sia un riconoscimento a quanto l’Hospice svolge in termini di sollievo a chi soffre con il lavoro medico e, soprattutto, quello dei volontari. L’Hospice è una struttura importante per tutto il territorio, non certo solo per Piacenza e, proprio perché parte della nostra realtà, va sostenuto. Ben vengano iniziative simili. Ringrazio personalmente Persegani per la sensibilità che dimostra ogni volta per il nostro territorio». Il presidente della Fondazione “La Casa di Iris” Sergio Fuochi ringrazia i panificatori per lo sforzo in cui si sono impegnati già dallo scorso luglio, quando a Sala è venuta l’idea: «Abbiamo già venduto circa 800 panettoni: le aziende del territorio e le associazioni hanno scelto di regalare a Natale ai propri clienti il panettone che sarà personalizzato sulle confezioni. Speriamo di superare quota mille, ma siamo molto fiduciosi. La risposta del territorio è notevole». Gli assessori Federica Sgorbati e Stefano Cavalli hanno sottolineato il lavoro dei volontari della struttura e l’importanza del prodotto artigianale nel commercio. «Ho conosciuto in questo anno e mezzo di assessorato – ha specificato la Sgorbati – la struttura da vicino. E ho potuto constatare quanto impegno e professionalità si respiri all’interno di La Casa di Iris. Il mio pensiero va ai volontari che ogni giorno sanno portare il sorriso a chi è in difficoltà come se fosse la cosa più naturale del mondo». Per Stefano Cavalli, l'iniziativa è la dimostrazione di «come sia importante promuovere la genuinità dei prodotti e l'originalità degli artigiani. Nei piccoli negozi del centro c'è un patrimonio da difendere e preservare». Il direttore amministrativo della struttura, Lorena Masarati, ha concluso evidenziando «quanta attenzione l’Hospice stia ricevendo dall’intero territorio, a partire dalle famiglie degli ospiti, ai cittadini singoli, alle associazioni e ai gruppi spontanei che realizzano eventi di propria iniziativa per devolvere il ricavato in beneficenza. Un territorio che risponde positivamente e comprende il lavoro svolto. Un territorio che ci piace moltissimo». I panettoni sono ordinabili direttamente in Hospice o nei banchetti dei panificatori di Natale in piazza Cavalli. Il costo è di 15 euro.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento