Imprenditori e commercianti donano un Doblò a Gragnano: servirà ai servizi sociali

La consegna

Era il 1994 quando il Comune di Gragnano si dotò, primo in provincia, di un pulmino attrezzato per gli accompagnamenti sociali. Da allora i servizi svolti dai servizi comunali sono andati sempre aumentando, tanto che il mezzo dedicato percorre in media 36mila chilometri all’anno per servire chi si trova nella necessità. Un servizio particolarmente apprezzato considerato che ben 36 ditte, imprenditori e commercianti di Gragnano e comuni limitrofi,  hanno deciso di supportare il Comune sponsorizzando, attraverso il tramite  della Pmg, specializzata in mobilità sociale, l’utilizzo di un nuovo doblò attrezzato per disabili che viene  affiancato ad un altro mezzo di proprietà comunale.  In questo modo il Comune risulta  dispensato sia dalla  manutenzione sia dalla  copertura assicurativa ed è tenuto a sostenere solo il costo del carburante.

Il veicolo, ricoperto dei loghi delle ditte e dei privati che lo hanno sponsorizzato, è stato consegnato ufficialmente in un luogo dal valore simbolico e visibile a tutti come la  piazza antistante la chiesa parrocchiale. Il sindaco Patrizia Calza e la responsabile dei Servizi Sociali, Annamaria Romanini in occasione della consegna del mezzo,  hanno espresso i più sentiti ringraziamenti agli imprenditori locali per la disponibilità e la sensibilità dimostrata ricordando altresì l’importanza e il numero dei servizi volti. Solo nel 2018 , oltre ad altri servizi, sono stati attivati accompagnamenti sociali a favore di 57 persone (anziani, disabili fisici e psichici e adulti fragili) per cure e terapie, si sono svolti servizi di assistenza domiciliare a favore di 70 anziani e disabili con interventi quotidiani, sono stati serviti 1025 pasti, sono state svolte consegne di alimenti a famiglie in difficoltà di concerto con la Caritas locale e per 8 volte all’anno sono stati portati gli anziani al cinema jolly di San Nicolò. «Ma aldilà dei numeri -  ricordano i rappresentanti del Comune - ciò che più importa è che non si tratta di un servizio taxi. L’accompagnamento è svolto da personale formato e specializzato che si prende a carico la persona , la conduce, la assiste . Tutto in affiancamento ai giovani del servizio civile volontario». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Piacenza, tutte le attività commerciali che sono aperte e fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus, la situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 31 marzo

  • Coronavirus, l'aggiornamento del 27 marzo sui comuni del Piacentino

  • Covid-19, Piacenza piange altre 26 vittime, il totale sale a 495

Torna su
IlPiacenza è in caricamento