Intercultura, sabato 19 ottobre l'incontro con i volontari per studiare all'estero. Iscrizioni aperte fino al 10 novembre

Appuntamento a Podenzano alle 17. In palio 2200 posti e 1500 borse di studio: i volontari dell'associazione presentano i programmi e rispondono alle domande di studenti e genitori

I 5 ragazzi ospitati a Piacenza

«Partire con Intercultura mi ha cambiato la vita!». A dirlo sono gli oltre 70mila studenti che in 64 anni di attività hanno partecipato a un programma scolastico internazionale di Intercultura, tra cui si annoverano personaggi come Luca Parmitano, Samantha Cristoforetti, Antonio Scurati, Maria Concetta Mattei, Marco Balich, Luca Barilla e tanti altri.

In tutta Italia Intercultura organizza oltre 200 appuntamenti per presentare i programmi all'estero e anche a Piacenza i volontari dell'Associazione hanno previsto un incontro informativo aperto a studenti e genitori. Appuntamento sabato 19 ottobre, alle 17, a Podenzano, nell'aula video del Palazzo della Cultura in Piazza Nuova – Via Montegrappa, dove sarà possibile ricevere informazioni e suggerimenti utili.

Sarà anche  presentata la Borsa di Studio  che la Fondazione di Piacenza e Vigevano mette a disposizione di favore di uno studente meritevole.

Protagonisti dell'incontro saranno anche alcuni ragazzi appena rientrati dalle loro esperienze in Paesi diversi per spiegare, attraverso il proprio racconto, che cosa significhi trascorrere una parte così importante della propria vita a contatto con un’altra cultura, tra sfide, difficoltà, benefici e bellissimi ricordi di momenti speciali vissuti con i nuovi amici provenienti da tutto il mondo. Sono oltre 60 le destinazioni in cui poter studiare in una scuola del posto e vivere accolti da famiglie selezionate, per un intero anno all'estero o un periodo più breve. Si possono scegliere mete più tradizionali Europa e Usa, o destinazioni più innovative in Paesi che offrono grandi opportunità, come la Cina, l'India, la Russia, il Brasile, e tanti altri ancora.  Quest’anno  dalla zona di Piacenza sono partiti per una esperienza di studio all’estero 8 studenti, in particolare in Messico, Uruguay, Filippine, Usa, Honduras, Australia e Thailandia.

Attualmente, nella nostra città, sono 5 i ragazzi ospitati: Sakura dal Giappone, Laura dalla Svizzera, Aldo dal Guatemala, Ella dalla Germania e Sidney dall’Alaska.

Chi desiderasse ricevere maggiori informazioni sull’incontro di presentazione e sulle attività di Intercultura a Piacenza può contattare il Responsabile dei programmi di studio all’estero del Centro locale di Intercultura, Giulia, al numero 3407594980.

IL CONCORSO DI INTERCULTURA IN TRE PUNTI

I TEMPI DEL CONCORSO: le iscrizioni online sono già aperte. Accedendo al sito www.intercultura.it, è possibile iscriversi fino al 10 novembre 2019  al nuovo bando di concorso 20120-21 per trascorrere un intero anno scolastico, un semestre, un trimestre, un bimestre o 4 settimane estive in uno degli oltre 60 Paesi di tutto il mondo dove la Onlus promuove i suoi programmi. Più di 2.200 i posti disponibili e 1.500 le borse di studio, tra quelle sponsorizzate e quelle messe a disposizione da Intercultura. Il bando è rivolto a tutti gli studenti delle scuole superiori nati tra il 1 luglio 2002 e il 31 agosto 2005. 

LE BORSE DI STUDIO A DISPOSIZIONE: le 1.500 borse di studio parziali o totali, consentono la partecipazione ai programmi da parte degli studenti più meritevoli e bisognosi di sostegno economico (si va dalle borse totali che coprono il 100% della quota di partecipazione, a quelle parziali che coprono una percentuale variabile tra il 20% e l’80% della stessa). Oltre alle borse finanziate da Intercultura stessa,  altre centinaia, tra borse di studio totali e contributi sponsorizzati, sono messe a disposizione grazie alla collaborazione tra la Fondazione Intercultura e diverse aziende, banche, fondazioni ed enti locali. L’elenco viene  continuamente aggiornato sul sito alla pagina http://www.intercultura.it/borse-di-studio-offerte-da-sponsor).   

RICONOSCIMENTO DELL'ANNO ALL'ESTERO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE: il periodo di studio all’estero viene riconosciuto in Italia in base alle Linee di Indirizzo sulla Mobilità studentesca internazionale e individuale emesse dal MIUR con nota Prot. 843 il 10 aprile 2013. Al  rientro in Italia il giovane potrà proseguire regolarmente gli studi in seguito alla valutazione da parte del Consiglio di Classe del percorso formativo svolto.  Intercultura certifica le competenze acquisite durante l’esperienza e tale documentazione potrà essere presentata a scuola, anche ai fini del riconoscimento dei crediti formativi e dei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (ex Alternanza Scuola Lavoro). Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina www.intercultura.it/studenti/fasi-del-programma.

Alcune testimonianze

Chiara, da Piacenza a Panama: «Davvero sono passati 8 mesi? È tutto quello a cui riesco a pensare negli ultimi giorni, sono passati così rapidamente, sono stati più veloci della metro di questa grande città, più veloci dei bus che mi portano da una parte all’altra di questo stato meraviglioso che è diventato casa mia. Panama, questo paese difficile, da osservare e capire, con tantissima pazienza, senza aspettative e solo con tanta voglia di esplorare ed esplorarsi. Questo paese che mi ha dato fratelli, amici e questa nuova e bellissima famiglia, che si è presa cura di me, mi ha portata a conoscere posti meravigliosi, dall’oceano azzurro, alla nostra foresta verde, dalle nostre spiagge bianche a tutti questi vestiti coloratissimi. Mi sento così soddisfatta di me stessa, per essere arrivata fino in fondo, di tutto quello che ho realizzato in questo anno, di tutto ciò che ho fatto e imparato, in compagnia di persone che non dimenticherò mai.  
Potrò sempre e solo dire una parola, parlando a Panama, ai miei genitori, ad Intercultura, ai miei amici che non hanno mai smesso di farmi ridere, a chi mi ha porto una spalla ed avvolta in una abbraccio da quando sono qui, GRAZIE, perché è qui che inizia il mio viaggio como ragazza matura, ed è soprattutto grazie al grande bagaglio che ho riempito qui a PTY e che porterò sempre con me».

Sara, anche lei un anno a Panama: «Continente caldo baciato e bruciato dal sole ponte tra gringos e foreste tra oceani. Terra ritmica, musicale di balli che scorrono nel sangue un sangue senza un’origine precisa ma un cuore fermamente sicuro. Abbandonata, sfruttata ma sempre ricca, una donna violata che lentamente e con gran dignitá si rialza. Terra rosso mattone e arancione di conflitti, confusioni e corruzione, colori vivi, vita pura. Palme che filtrano il sole violento acque e spiagge surreali. Caotica, formosa, caliente, dalla densa essenza, astrazione della realtá lontana dalla monotonia. Quando toccherai questa terra, quando assaggerai questi sapori, quando ascolterai questa cantilena a ritmo di tamburi, la tua anima inizierá a ballare e apparterrá per sempre al cuore del Centroamerica. Questa é Panama per me».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in A21, muore giovane piacentina

  • Travolta da un’auto dopo lo schianto contro il guard rail, Valentina muore a 22 anni

  • Autobus fuori strada si schianta contro il guard rail

  • Schianto sul rettilineo della via Emilia

  • Elezioni Regionali, ecco il fac simile della scheda elettorale

  • «Se sei un uomo vieni sotto casa mia», accoltellato per gelosia dal compagno dell'amica

Torna su
IlPiacenza è in caricamento