La medicina non può fare a meno di uno stretto rapporto di fiducia tra medico e paziente

La chirurgia a Piacenza tra passato e presente nel primo dei 24 appuntamenti programmati dal “Perity day every day”

Patrizio Capelli tra Francesco Mastrantonio e Carlo Mistraletti della Lucia

Sono ventiquattro gli appuntamenti programmati nel 2019 con l’etichetta “PERITY DAY every day”, che sviluppa e va oltre i temi annunciati dall’annuale convegno di ogni 27 dicembre a Palazzo Galli – Banca di Piacenza. Gli incontri saranno “polifattoriali”, come del resto era multiforme la genialità del prof. Pierfrancesco Periti i cui insegnamenti continuano ad aleggiare su di noi e sui suoi permanenti estimatori.

“Storie vere di chirurgia” è il titolo del primo incontro svolto con grande e interessata partecipazione di pubblico alla sala auditorium della parrocchia di San Pietro, con protagonista la bella esperienza di vita e di professione di Patrizio Capelli, da alcuni anni “Capo chirurgo” all’ospedale civile di Piacenza e provincia.

Capelli – introdotto da Carlo Mistraletti della Lucia presidente della Società medico chirurgica di Piacenza - è un chirurgo generale completo, l’ultimo esponente, come Direttore di una vera Scuola chirurgica piacentina iniziata nel 1760. Così lo definirebbe don Pio Marchettini, appassionato e rigoroso cultore di storia. Il suo fondamentale capitolo “Contributo a una storia della chirurgia e dei chirurghi nell’ospedale di Piacenza dal 1700 a oggi” (nel volume “Cinque secoli di storia ospedaliera piacentina 1471-1971”) cita i più celebri chirurghi piacentini. Risalendo per ogni secolo: da Giulio Casseri (‘600) a Giuseppe Corneli (‘700), a Giacomo Morigi (‘800), ad Arnaldo Vecchi (‘900), a Patrizio Capelli (2000). E chiediamo venia ad altre figure intermedie del passato (e altresì a rinomati operatori nelle prime specialità chirurgiche, per le quali ricordiamo solo: Mario Trettenero in Ostetricia, Evandro Pasquali in Ortopedia (il cosiddetto “aggiusta tutto”, Luigi Monesi e Luigi Lugli in Oculistica, Enrico Simonini e Mario Staffieri in Otorino L.I.). Alcuni sono stati “inventori” di interventi chirurgici innovativi di livello europeo, citiamo solo - a mo’ di esempio e per esperienza diretta di “ospedalieri” viventi - la “Neoglottide fonatoria” nei tumori laringei, ideata e messa a punto da Staffieri e colleghi negli anni ’70. Allora un’importante televisione tedesca venne da noi per documentare accuratamente e riportare in patria il pionieristico intervento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre al bisturi, c’è il rapporto di umanità e i drammi decisionali che ogni volta si stabiliscono tra il medico e il paziente, ha rilevato il dottor Capelli che, dialogando con alcuni medici e pazienti, è riuscito a comunicare con efficacia la propria esperienza professionale e umana, anche nei suoi risvolti gratificanti o sconvolgenti. Oggi il progresso ci ha portato alla ingegneria genetica, alla robotica, alla telemedicina e alle applicazioni dell’Intelligenza artificiale, tuttavia, pur avendo a disposizione queste tecniche sempre più raffinate, la medicina è un’arte che non può fare a meno di uno stretto rapporto di fiducia tra medico e paziente. Il prossimo incontro promosso dalla Società medico chirurgica di Piacenza e dalle tre parrocchie della U.P. 2, con il patrocinio del Comune, ha come tema “Sanità, vescovi e politica a Piacenza”; sempre presso la sala di San Pietro in Via Roma 23, alle 17,30, martedì 15 gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento