Messo in sicurezza un tratto della condotta Agazzano-Battibò

Conclusi i lavori di messa in sicurezza della condotta irrigua Agazzano-Battibò (adduttore principale del distretto destra Tidone) in località Casa Roveda in comune di Pianello Val Tidone

Conclusi i lavori di messa in sicurezza della condotta irrigua Agazzano - Battibò (adduttore principale del distretto destra Tidone) in località Casa Roveda in comune di Pianello Val Tidone. Grazie agli interventi di consolidamento è stata realizzata un’opera di difesa a protezione della condotta irrigua messa a nudo a seguito degli eventi alluvionali del marzo 2016 per i quali il Consorzio aveva inviato segnalazione di intervento e relativa richiesta di finanziamento alla Regione Emilia Romagna dopo una prima messa in sicurezza effettuata con fondi interni all’Ente. Sia per quanto riguarda i primi interventi urgenti di messa in sicurezza, sia per la realizzazione delle opere di difesa, la Direzione Lavori è rimasta in capo all’ufficio tecnico del Consorzio di Bonifica di Piacenza.

Primi interventi urgenti (con fondi del Consorzio)

Gli interventi di urgenza, effettuati subito dopo i danni alluvionali causati dall’evento di piena del torrente Tidone (anno 2016), consistettero:

- nel ripristino con materiale inerte delle sponde erose del torrente a protezione della condotta;

- nella realizzazione delle selle a supporto delle condotta;

- nella riattivazione dei collegamenti in fibra ottica danneggiati dalla furia delle acque.

Interventi di messa in sucrezza (in parte realizzati con fondi del Consorzio e in parte finanziati dalla Regione ER). Gli interventi terminati da poco e, relativi all’ulteriore e necessario consolidamento spondale a protezione della condotta irrigua, hanno previsto quanto segue.

Interventi di monte

- consolidamento del bastione in muratura mediante la realizzazione di una berma in massi intasati e di una scogliera in massi;

- riprofiltatura del Torrente Tidone nel tratto prospiciente al cantiere mediante movimentazione di inerti al fine di favorire il deflusso delle acque;

- costruzione di circa 105 metri di scogliera in massi paralleli alla sponda per la ricostruzione del profilo longitudinale a protezione della condotta;

- costruzione di 6 pennelli trasversali in gabbioni aventi dimensioni diverse e lunghezza tra i 10 e i 15 metri ciascuno.

- Intervento di valle realizzato a monte dei pennelli già esistenti posti a difesa della condotta irrigua:

- realizzazione di 3 pennelli in gabbioni aventi la stessa geometria di quelli dell’intervento di monte;

- adeguamento della difesa spondale in massi sciolti a seguito della realizzazione dei nuovi pennelli per garantire un adeguato livello di difesa idraulica.

La condotta Agazzano Battibò, ultimata nel 2013, è una tubazione in pressione lunga 23 chilometri e fondamentale per la distribuzione irrigua nei comuni di Pianello, Borgonovo e Agazzano.

In Val Tidone, in pratica, l’acqua rilasciata dalla Diga e dal torrente Tidoncello confluisce alla traversa Lentino per essere distribuita nel comprensorio irriguo in parte tramite canali e in parte tramite condotte come nel caso dei comuni sopra citati all’interno dei quali l’acqua viene immessa in condotte sotterranee e indirizzata ai singoli agricoltori che ne fanno uso durante la stagione irrigua.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una coop creata per truffare lo Stato e fare soldi, 135 dipendenti senza contributi: scoperta maxi evasione

  • Sbalzato dall’auto che si ribalta nel campo, muore un 51enne

  • Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

  • Rapinato e picchiato sotto casa

  • Presidente del Vigolo aggredito a bastonate e rapinato, è grave

  • Cade e batte la testa su una lamiera, grave una donna

Torna su
IlPiacenza è in caricamento