Gilda: «Risarciti due insegnanti piacentini, precari per troppo tempo»

La Gilda degli Insegnanti ha ottenuto per i due precari storici il riconoscimento di un risarcimento

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

«Il ministero dell'Istruzione – interviene la Gilda Insegnanti rendendo noti gli esiti di due contenziosi - dopo essere stato condannato in primo grado dal Tribunale di Piacenza, è stato condannato anche dalla Corte d'Appello di Bologna. È legittimo il risarcimento che era stato previsto per dal giudice del lavoro per due docenti piacentini assistiti dalla Gilda degli Insegnanti. I due docenti cinque anni fa si erano rivolti al Tribunale, insieme ad altri 26 colleghi assistiti dalla Gilda, perché stanchi delle continue assunzioni a tempo determinato senza riuscire ad ottenere un'assunzione definitiva. Adesso dovranno ricevere quale risarcimento dei danni tutti gli arretrati salariali relativi alle anzianità maturate come se fossero stati sempre di ruolo, il Ministero dopo aver perso la causa a Piacenza solo per due di loro aveva deciso di resistere, ma ha perso, guarda caso erano gli unici del gruppo che tuttora sono rimasti precari ai quali spetta un risarcimento che prevede calcoli leggermente più onerosi per l'Amministrazione». «Maltrattare i docenti - commenta Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda degli Insegnanti di Piacenza e Parma - significa maltrattare il futuro dei nostri figli, i primi a ricordarselo dovrebbero essere coloro che a vari livelli hanno ruoli di responsabilità nella vita scolastica».

Torna su
IlPiacenza è in caricamento