Pagamenti dei fornitori, la Provincia è virtuosa: la media è di venti giorni

L’Amministrazione provinciale di Piacenza virtuosa sui tempi di pagamento dei fornitori

Tutte le pubbliche amministrazioni sono tenute a pagare le proprie fatture entro 30 giorni dalla data del loro ricevimento. Il rispetto di queste scadenze è un fattore di cruciale importanza per il buon funzionamento dell’economia nazionale e rientra nel rispetto delle direttive europee in materia di pagamenti dei debiti commerciali, su cui la Commissione Europea effettua un puntuale e rigoroso controllo e su cui il Ministero dell’Economia e delle Finanze svolge un altrettanto costante e puntuale monitoraggio a livello nazionale attraverso l’utilizzo del sistema informatico denominato Piattaforma dei crediti commerciali (PCC), realizzata e gestita per il Ministero dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, che rileva le informazioni sulle singole fatture ricevute dalle oltre 22.000 amministrazioni pubbliche registrate.

Si tratta di un argomento, quello dei tempi di pagamento, sempre molto attuale e che i vari governi hanno affrontato, a partire dal decreto n. 35/2013, cd. “sblocca debiti”, sino agli strumenti che favoriscono la “trasparenza” delle operazioni, con la pubblicazione nei siti delle pubbliche amministrazioni dell’indicatore di tempestività dei pagamenti trimestrale e annuale.

Già lo scorso anno, secondo un’indagine territoriale pubblicata da “Il Sole 24 Ore” (precisamente nell’edizione del 23.7.2017) sui tempi di pagamento dei fornitori da parte delle amministrazioni pubbliche, la Provincia di Piacenza risultò un ente virtuoso, con i suoi 3,94 giorni di anticipo medio, più virtuoso ad esempio di Modena (1 giorno) e Rimini (1,47 giorni), ma anche di Forlì, Parma e Bologna (che invece risultavano in ritardo rispettivamente di 59, 20 e 4,81 giorni).

A fine 2018 i tempi medi di pagamento della Provincia di Piacenza sono ulteriormente migliorati, attestandosi su elevati livelli di efficacia, con un anticipo medio di 10,6 giorni sui 30 previsti dalla normativa. Tutti i dati sono consultabili nella sezione “Amministrazione trasparente” del sito istituzionale della Provincia http://amministrazionetrasparente.provincia.pc.it/L190/?sort=&search=&idSezione=123893&activePage=&id=176512.

Sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze è possibile confrontare i dati di tutte le pubbliche amministrazioni al terzo trimestre 2018 http://www.mef.gov.it/focus/article_0012.html.

Dall’elaborazione dei dati riferiti alle fatture emesse a carico delle amministrazioni provinciali tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2018 emerge come la Provincia di Piacenza, con un tempo medio di pagamento ponderato di 19 giorni, confermi anche in questa occasione il suo comportamento virtuoso a livello nazionale, essendo la media delle province italiane di 36 giorni. Piacenza fa meglio anche del complesso delle province dell’Emilia-Romagna, che presentano infatti tempi medi di pagamento di 28 giorni, gli stessi delle province della Lombardia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Investito da una fiammata al volto in garage, grave un uomo

  • Cronaca

    Cinquemila telefonate in sette mesi, botte e pedinamenti: arrestato stalker

  • Cronaca

    La tangenziale Sud e la via Emilia Pavese le strade più pericolose, boom di incidenti

  • Politica

    Dosi: «Giunta Barbieri debole e incapace nel dare risposte, incolpa sempre noi»

I più letti della settimana

  • Inciampa al buio, cade da un muretto e muore sul colpo

  • Auchan, San Rocco si difende: «Piacenza non ha voluto partecipare alla discussione»

  • Tragico schianto contro un tir, muore 52enne

  • Il “basulon” della montagna piacentina: «In alcune frazioni vado per una sola persona»

  • Si schianta contro un tir e muore

  • Tamponato violentemente si schianta contro le auto in sosta, è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento