Parma 2020 insieme con Piacenza e Reggio Emilia nell’anno più atteso per Destinazione Turistica Emilia

Anno che vedrà Parma ricoprire il ruolo di Capitale Italiana della Cultura, il 2020 si prospetta anche come il banco di prova per testare le ambizioni di Destinazione Turistica Emilia quale sistema organizzato in grado di riunire le esperienze di accoglienza di un territorio formate da tre province. Con la partecipazione straordinaria di Piacenza e Reggio Emilia, Parma2020 diventa quindi Emilia2020, contenitore multidisciplinare e, in una certa maniera, polisensoriale, che mira a offrire spunti capaci di promuovere una fruizione alternativa, contraddistinta da peculiarità uniche ma allo stesso tempo ordinate in un fil rouge coerente e identitario. È il concetto alla base di un protocollo d’intesa per un progetto di valorizzazione comune che stabilisca le modalità di collaborazione e coordinamento degli eventi proposti da Parma, Reggio Emilia e Piacenza, in accordo con Regione Emilia-Romagna e Destinazione Turistica Emilia, nell’ambito di un’unica cornice. Questo non fa che attuare il proposito già espresso, prima ancora dell’elezione di Parma, di una crescita comune delle tre province e delle tre città, tutte peraltro inserite nella lista ristretta delle 10 migliori proposte per la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2020.

Proprio per questo, il fulcro di tutto è riassunto nel motivo “La cultura batte il tempo”, slogan unitario che sintetizza l’idea di un territorio capace di contare i giorni, i mesi e le stagioni secondo le necessità del vino, dell’immaginazione o della musica. È una misura speciale che si può capire solo insinuandosi in un ricco programma di eventi articolato tra la terra che rende possibile la nascita di prodotti di piacere infinito, il cielo che veglia sulla fertilità dei campi e dell’intelletto, e la memoria che, con amore e perseveranza, tiene insieme le tradizioni e il presente.

 20 Ragioni per visitare Emilia nel 2020

Puntando sulle declinazioni Taste, Nature & Culture e sulla definizione di vere e proprie reti tematiche, l’ente ha in poco tempo fatto registrare numeri incoraggianti, ai quali ora si aggiungono le cifre corrispondenti alla miriade di attività e manifestazioni imbastite per arrivare pronti a un appuntamento tanto importante. Ideata e distribuita per l’occasione nella doppia versione italiana e inglese, la Brochure “20 Ragioni per visitare Emilia nel 2020” raccoglie proposte di soggiorno studiate allo scopo di vivere il cuore della destinazione in un anno che vedrà susseguirsi 85 mostre, 70 performance teatrali, 160 concerti, 25 festival di arte e cultura e 170 rassegne e dibattiti. Assaggio delle offerte presenti sul sito www.visitemilia.com, la pubblicazione è un caleidoscopio di ragioni per lasciarsi incantare dal dialogo tra cielo, terra e memoria di questa area ma anche un invito a trovarne di nuove e personali, magari visitando Parma, scoprendo le cupole di Piacenza o imbarcandosi in un viaggio a passo lento alla scoperta del mondo piccolo di Don Camillo e Peppone, in provincia di Reggio Emilia. Non mancano, ovviamente: musica, gastronomia, sport e il gusto per il benessere che sono i punti focali di uno stile di vita in grado di conquistare chiunque.

Dal Food & Wine ai Castelli, fino alle Terme: DTE va in Rete

L’ottica del sistema non è una teoria che rimane sulla carta. Creata con lo scopo di intrecciare l’offerta culturale degli oltre 13 borghi di interesse storico e artistico, innumerevoli città d’arte, 50 castelli e rocche disseminati tra le colline, la Bassa e gli Appennini, 51 teatri, fondazioni e altre strutture del settore nei territori, la Rete “Emilia Cultura e Castelli Experience” mira a costruire una proposta integrata con le attrattive e con i servizi complementari, come ricettività, trasporti e servizi informativi. Dal 9 ottobre 2019, sul sito Visit Emilia (www.visitemilia.com) saranno elencati gli oltre 100 aderenti alla rete, con i principali eventi di Emilia, inevitabilmente destinati ad arricchirsi. 

Nel cuore per eccellenza della Food Valley, l’iniziativa arriva dopo l’inaugurazione della Rete di Prodotto “Emilia Food & Wine Experience”, che punta invece a integrare l’intera offerta enogastronomica dei territori dell’Emilia, creando connessione tra operatori turistici, agroalimentari, vinicoli e non solo. In un’area caratterizzata da una sterminata proposta sul piano del gusto – basti ricordare che Piacenza è l’unica provincia in Europa a vantare ben 3 salumi DOP, che Parma è sinonimo di Prosciutto e Culatello e che, insieme, Parma e Reggio Emilia, sono la culla del Parmigiano Reggiano il miglior formaggio al mondo, o, ancora, che Reggio Emilia è un avamposto dell’Aceto Balsamico Tradizionale – il progetto risponde all’esigenza di strutturare un’offerta sistemica a livello di destinazione, capace di arrivare sul mercato in modo univoco, esperienziale e omnicomprensivo. L’idea è che quindi sia possibile creare una sorta di itinerario invitante per ogni buongustaio tra le infinite manifestazioni che esaltano i suddetti prodotti: una sorta di fiume dei sapori che attraversi, ad esempio, eventi come la Cena dei Mille o il Festival del Prosciutto di Parma nell’ambito del Settembre Gastronomico, Piacenza Un Mare di Sapori e il Premio Coppa d’Oro, Piante e Animali Perduti a Guastalla o il Campionato Mondiale del Fungo di Ventasso. È inoltre in fase di studio la prossima realizzazione della Rete Terme e Outdoor, immaginata con l’obiettivo di strutturare un’offerta integrata per il turismo all’aria aperta e per quello che ruota intorno ai temi di wellness e wellbeing.

«L'impegno congiunto – ha dichiarato l’assessore Jonathan Papamarenghi - per valorizzare le eccellenze locali, avviato in seno a Destinazione Turistica Emilia, troverà espressione in un programma di iniziative di alto profilo, capace di accrescere ulteriormente l'attrattività del territorio, consolidando quell'itinerario che, nel segno dell'arte, della tradizione enogastronomica e delle bellezze paesaggistiche, unisce le nostre province. Un percorso in cui il Comune di Piacenza crede con convinzione sin dai primi passi, portandolo avanti con entusiasmo e con l'intento di mettere a disposizione risorse, energie e progettualità che contribuiscano a fare, dell'Emilia occidentale, una meta turistica di straordinario valore, che sia riconosciuta e apprezzata come merita».

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una coop creata per truffare lo Stato e fare soldi, 135 dipendenti senza contributi: scoperta maxi evasione

  • Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

  • Rapinato e picchiato sotto casa

  • Cade e batte la testa su una lamiera, grave una donna

  • Piacenza e provincia: gli eventi da venerdì 18 a domenica 20 ottobre

  • «La teoria gender non esiste e l'omosessualità non si insegna»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento