Passa alla Camera la legge “piacentina” sui defibrillatori

Su impulso di “Progetto Vita” (con il caso di Piacenza che fa scuola) è arrivato il primo ok in Parlamento per la legge che favorisce la distribuzione e l'utilizzo dei defibrillatori

La legge sui defibrillatori approvata alla Camera migliorerà i soccorsi e la sopravvivenza. È stata approvata oggi in aula - all'unanimità - alla Camera il disegno di legge sulla riforma del primo soccorso e sull'utilizzo dei defibrillatori. La legge tiene conto di molte proposte emerse negli ultimi mesi, come la tutela legale del soccorritore, la maggiore diffusione dei defibrillatori semiautomatici (Dae), l'introduzione a scuola della formazione obbligatoria sulla rianimazione cardiopolmonare, la creazione di un'applicazione per la geolocalizzazione dei Dae, l'obbligo per il 112/118 di fornire alle persone che hanno segnalato l'emergenza le istruzioni telefoniche per riconoscere l'arresto cardiaco, fare il massaggio cardiaco e utilizzare il Dae. Elementi essenziali per favorire i soccorsi da parte di chi assiste a un arresto cardiaco e, di conseguenza, la sopravvivenza delle persone che ne sono colpite.

La legge parla piacentino: fu la dottoressa Daniela Aschieri, direttore dell'Unità operativa di cardiologia e riabilitazione presso l'Ospedale Unico della Valtidone, qualche tempo fa, a suggerire queste proposte durante un’audizione in Commissione Affari Sociali della Camera. Aschieri in quella occasione illustrò i risultati ottenuti da Progetto Vita, grazie al quale Piacenza è diventata la città più cardioprotetta d'Europa. «L'esperienza, pilota in Europa, - spiegò Aschieri, esperta dell'Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (Anmco) - esiste da 21 anni e ha consentito di istallare ben 877 defibrillatori in città, tutti integrati con la centrale operativa attraverso una app regionale». Per chi è colpito da arresto cardiaco ogni minuto che passa diminuisce de 10% la possibilità di sopravvivere, per questo intervenire prima fa la differenza. «I nostri dati - sottolinea - mostrano il 41% di sopravvivenza tra i defibrillati da personale laico a fronte del 5% di quelli defibrillati da personale a bordo dell'ambulanza. E ora a Piacenza la semplificazione sta entrando nei condomini, con la presenza di un defibrillatore ogni 150 metri». Spesso il problema non è però solo la mancanza di defibrillatori, ma anche molte barriere al loro utilizzo, come la paura di fare del danno. «E' necessario quindi - conclude - liberalizzarne l'utilizzo e aumentare l'informazione su come farlo». Ora la parola passa al Senato.

DE MICHELI: «UNA STORIA CHE NASCE A PIACENZA»

«Oggi la Camera dei deputati – è intervenuta sul tema anche la deputata del Partito Democratico (e vicesegretaria nazionale) Paola De Micheli - ha votato all'unanimità la legge sui #defibrillatoriche ora passa al Senato. Con 502 voti favorevoli è stato approvato il provvedimento sull'utilizzo dei dispositivi salvavita in ambiente extraospedaliero. Una storia che nasce dalla mia città #Piacenza con Progetto Vita Piacenza e diventa esempio per tutta l'Italia, grazie al professor Alessandro Cappucci e all'amica dottoressa Daniela Aschierii per il loro impegno professionale e generoso. Ora avanti per il passaggio finale al Senato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Furgone centrato da un'auto travolge un ciclista e si schianta contro un muro: tre feriti

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento