Piacenza e Potenza unite nel nome di San Gerardo, patrono del capoluogo lucano

Tante iniziative in programma nelle due città in occasione dell'anno Gerardiano: coinvolte tante realtà del piacentino, dal Conservatorio Nicolini al rugby Lyons

La presentazione

Nella mattinata di lunedì 29 aprile, in collegamento skype con la Curia e il Comune di Piacenza, sono state presentate le iniziative dell’Anno Gerardiano, con presente l'assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi, i vertici delle due Diocesi e alcuni esponenti degli eventi programmati.
I comuni di Piacenza e Potenza e i rispettivi Vescovadi hanno deciso di dar luogo a una serie di comunicazioni al fine di approfondire una reciproca conoscenza. Il fattore che ha segnato l’inizio di questo dialogo è stata la presenza a Potenza del santo Patrono Gerardo La Porta, nato a Piacenza e morto nel capoluogo lucano il 30 ottobre del 1119, 900 anni fa. In occasione del nono centenario della morte, il Comune di Potenza e l’Arcidiocesi hanno dato il via all’Anno Gerardiano, con un programma che prevede numerose iniziative e manifestazioni. 

«Rigraziamo tutti per l'impegno profuso: è un segnale importante, per la nostra comunità, portare alla conocenza di molti la figura di una persona che ha fatto la storia della nostra città, tramite l'organizzazione di eventi e portando avanti questa sorta di gemellaggio sul piano culturale, civile e religioso» ha sottolineato l'assessore Papamarenghi.

«L’Anno Gerardiano è l’evoluzione di una serie tentativi di collegamento tra le due città che ci sono stati dal ‘700 per discutere della figura di San Gerardo», ha aggiunto Canio Alfieri Sabía, rappresentante della comunità potentina e membro del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). «Siamo due comunità lontane geograficamente ma accomunate da un grande interesse per la stessa figura, che speriamo verrà portato avanti nel tempo».

Alcuni eventi coinvolgeranno anche il Conservatorio Nicolini: «Per gli studenti sarà un’occasione importante per misurarsi in contesti diversi: la nostra realtà deve aprirsi sempre di più», ha commentato Paola Pedrazzini, presidente del Conservatorio.

Presenti anche Lorenzo Missaglia del Conservatorio Nicolini e Gabriele Belforti, dirigente del Rugby Lyons, società coinvolta nel nuovo gemellaggio tra le due città.

Visti i riscontri positivi ottenuti a Piacenza, rispetto alle celebrazioni previste per l‘anniversario così come concepite, è nata la volontà di cominciare a comporre una sorta di gemellaggio, che si concretizzerà in questi giorni. La comunità potentina e piacentina hanno ritenuto di grande interesse la possibilità di scambiarsi i rispettivi talenti musicali, sportivi, culturali.
Il gemellaggio sarà articolato così:

A Piacenza

Il 5 maggio alle 10: Concerto di pianoforte del Conservatorio Gesualdo da Venosa di Potenza, nella sede del Conservatorio “Nicolini” di Piacenza.

Il 18 e 19 maggio, alle 9: Torneo di rugby Piacenza - Potenza nello stadio ‘Beltrametti’.

Nel mese di settembre: due giornate di un seminario di studi dal titolo “San Gerardo Della Porta da Piacenza. La figura storica nel rapporto con i territori e le comunità” (videodiretta da Piacenza).

A Potenza

Il 31 maggio alle 20,30: Concerto di pianoforte del conservatorio “Giuseppe Nicolini” di Piacenza, nella chiesa di san Michele.

28/30 giugno ale 10: torneo di rugby Potenza – Piacenza al campo di Macchia Romana.

Nel mese di ottobre, in concomitanza con la festa di san Gerardo a Potenza, una giornata di studio sul medesimo tema di quello svolto a settembre a Piacenza (videodiretta da Potenza).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbalzato dall’auto che si ribalta nel campo, muore un 51enne

  • Esce di strada e l'auto si incastra nel fosso, due feriti

  • Presidente del Vigolo aggredito a bastonate e rapinato, è grave

  • Tir carico di formaggi si ribalta lungo la Provinciale

  • Investito da una fiammata, gravissimo

  • In bilico sul viadotto dell'A21, i poliziotti della Stradale lo salvano appena in tempo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento