Comunità del Parco del Trebbia: Balestrieri presidente, Maloberti rappresentante esecutivo

La Comunità del Parco era chiamata e nominare il suo nuovo presidente e ad individuare il proprio rappresentante che siederà nel Comitato Esecutivo dell’Ente, l’organo politico-amministrativo dotato di maggiori e più ampi poteri, insieme ai rappresentanti delle altre quattro Comunità dei Parchi

Si è svolta venerdì 6 settembre la seduta di Comunità del Parco del Trebbia, chiamata a nominare il proprio nuovo presidente, dopo la cessazione dalla carica di Francesco Zangrandi, e il nuovo proprio rappresentante in seno al Comitato Esecutivo dell’Ente di Gestione dei Parchi del Ducato dopo le dimissioni della consigliera di Piacenza Chiara Reboli.. La Comunità del Parco è, insieme al Comitato Esecutivo e al Presidente, uno degli Organi di governo dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale (Parchi del Ducato), come sancito dalla L.R n. 24/2011, che ha riformato il sistema delle Aree Naturali Protette regionali.

In particolare ad ogni comunità del Parco sono affidati compiti rilevanti, quali la possibilità di nominare un rappresentante in seno al Comitato esecutivo, esprimere il parere obbligatorio sul Bilancio e lo Statuto dell’Ente, elaborare il documento preliminare relativo al Piano territoriale del Parco, proporre il Regolamento del Parco, proporre i componenti della Consulta del Parco e altro ancora.Andrea Balestrieri 2-2-2

Erano presenti alla riunione i rappresentanti dei comuni il cui territorio è interessato dal Parco: Paolo Mancioppi (Comune di Piacenza), Paola Galvani (Comune di Rottofreno), Andrea Albasi (Comune di Rivergaro), Patrizia Calza (Sindaca di Gragnano Trebbiense), Filippo Zangrandi (sindaco di Calendasco), Claudio Ratotti (Comune di Gazzola) ed Andrea Balestrieri (Comune di Gossolengo).

La Comunità del Parco era chiamata e nominare il suo nuovo presidente e ad individuare il proprio rappresentante che siederà nel Comitato Esecutivo dell’Ente, l’organo politico-amministrativo dotato di maggiori e più ampi poteri, insieme ai rappresentanti delle altre quattro Comunità dei Parchi (Taro, Cento Laghi, Carrega, Stirone e Piacenziano), ai delegati delle Provincie di Parma e Piacenza e al Rappresentante del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Andrea Balestrieri, sindaco di Gossolengo, è stato nominato presidente della Comunità del Parco, mentre per rappresentare la Comunità nel Comitato Esecutivo è stato prescelto, Giampaolo Maloberti, consigliere comunale di Rivergaro.

Per il neo-presidente Balestrieri, che succede nel ruolo a Francesco Zangrandi, «Il principale obiettivo è arrivare alla stesura e adozione protesta maloberti anti vegani consorzio carne 03-2del Piano Territoriale del Parco, lavoro iniziato alla fine dello scorso anno». «L’auspicio – prosegue Balestrieri - è quello di giungere ad un documento il più possibile condiviso da tutti gli attori interessati, quali associazioni ambientaliste, i comuni e i loro abitanti, gli operatori economici presenti sul territorio; un documento che possa garantire la tutela e il rispetto del fiume e della biodiversità e nel medesimo tempo possa cancellare quella percezione diffusa secondo la quale il parco sia solo un insieme di vincoli che impediscono la fruizione del fiume».

Gianpaolo Maloberti, succede alla dimissionaria Chiara Reboli in seno al Comitato Esecutivo dell’Ente Parchi, e si dichiara: Molto contento per la fiducia ottenuta e di poter portare nel principale organo di governo dell’Ente Parchi il contributo positivo del mondo agricolo rispetto alle tematiche ambientali che si trova ad affrontare il Parco del Trebbia, a partire dal Deflusso Minimo Vitale e la traversa di Rivergaro. «Sono convinto – continua Maloberti – che gli agricoltori siano i primi ambientalisti e che il Parco possa diventare un’opportunità e un indotto per il territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore travolta da un tir, stava andando a lavorare

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Travolta in bici da un tir, muore una donna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Travolti da un'auto dopo un incidente: tre feriti, uno è un carabiniere

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

Torna su
IlPiacenza è in caricamento