Riprendono i “Giovedì della Bioetica”: otto incontri multidisciplinari

Relatori di elevato profilo internazionale. A Palazzo Pisaroni tra marzo e novembre

La presentazione. Nelle foto sotto, Valter Tucci e Alberto Oliveiro

Dal prossimo 12 marzo sull’onda del successo della prima edizione (2019) riprendono i “Giovedì della Bioetica”, l’iniziativa promossa dall’Istituto Italiano di Bioetica - Sezione Emilia Romagna e dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano. Sede degli incontri che inizieranno alle 17,30 il Salone d’onore di Palazzo Pisaroni della Fondazione.

Alla conferenza stampa di presentazione sono intervenuti Gaetano Rizzuto “Replichiamo con entusiasmo e con ospiti prestigiosi”, Alberto Dosi (Fondazione): «Scopo della Fondazione è quello di diffondere cultura e questi incontri favoriscono sensibilizzano le persone sull’importanza delle conoscenze scientifiche»; il professor Giorgio Macellari, presidente regionale dell’Istituto di Bioetica, ha evidenziato l’elevato profilo internazionale dei relatori delle otto conferenze programmate; infine il professor Fabio ha illustrato i criteri guida sulla scelta delle tematiche e accennato al problema di livello globale della denutrizione: considerato anche il grande spreco di risorse del mondo occidentale, non è accettabile che ci siano ancora milioni di bambini che muoiono di fame.

«Con i “Giovedì della Bioetica” – hanno concordato i relatori - promuoviamo il sapere, con un particolare riferimento a quello scientifico, ma ampiamente integrato a quello umanistico in quanto opportunità per la crescita individuale e sociale, fisica e psicologica, intellettuale e spirituale. Lo spirito dell’iniziativa è squisitamente multidisciplinare; concepisce l’integrazione fra saperi diversi come strumento di innovazione, progresso, libertà e democrazia e la diversità come una ricchezza e la difende come cammino verso la tolleranza e la convivenza pacifica. Il ciclo è indirizzato a studenti, studiosi e intellettuali, ma anche semplici cittadini, curiosi, coraggiosi e trasgressivi per sensibilizzare la gente sull’importanza del sapere scientifico e della riflessione filosofica sulla Bioetica nel tempo che viviamo».

I primi appuntamenti a marzo alle 17,30

- 12 marzo, Valter Tucci dell’IIT, Istituto Italiano di Tecnologia sul tema “Le basi neurogenetiche del male”;

- 26 marzo, alle 17:30, con Alberto Oliverio dell’Università La Sapienza di Roma che parlerà del tema “Il cervello plastico”

A seguire, sempre alle 17,30:

- 2 aprile Alberto Martinelli, dell’Università di Milano, “Scienza e Democrazia: un progetto europeo”;

-  23 aprile, Maria Chiara Carrozza, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa: “Le sfide etiche dell’integrazione persona-macchina”; 

- 21 maggio, Elena Cattaneo, dell’Università di Milano: “Cellule staminali e malattie neurovegetative: i passi della scienza e dell’uomo”.

- 1° ottobre, Giuseppe Longo, dell’Ecole Normale Supérieure di Parigi e della Tufts University di Boston; parlerà del tema “Meccaniche della natura ed ecosistema verso un’etica e un’analisi diverse del vivente”

- 8 ottobre un gradito ritorno: lo scienziato piacentino Matteo Cerri dell’Università di Bologna che spiegherà al pubblico “Come il cervello genera la coscienza”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

- 12 novembre ultimo appuntamento con lo scienziato Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano: “Morte e morire. Non è ora che cominciamo a parlarne quando stiamo ancora bene?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Tragico tamponamento fra Tir, autista muore schiacciato nella cabina

  • «Al pascolo non mi manca nulla, volevo questa vita all'aria aperta»

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

  • Camionista ucciso a Fiorenzuola, sul tir dell’imputato 8 coltelli

  • Schianto all'incrocio tra via Martiri e via Boselli, due feriti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento