Mangiare in famiglia fa bene a corpo e mente, soprattutto per i bambini

Tra gli impegni di lavoro dei genitori e le mille attività extrascolastiche dei figli, riunire tutta la famiglia a tavola è diventato molto difficile: eppure questa consuetudine dovrebbe essere difesa strenuamente, per il bene dei bambini. Quelli che riescono a consumare più pasti con mamma e papà, crescono più sani e con meno problemi comportamentali

Tra gli impegni di lavoro dei genitori e le mille attività extrascolastiche dei figli, riunire tutta la famiglia a tavola è diventato molto difficile, quasi una fantasia che ormai appartiene solo agli spot pubblicitari. Eppure questa consuetudine dovrebbe essere difesa strenuamente, per il bene dei bambini. Quelli che riescono a consumare più pasti con mamma e papà, crescono più sani e con meno problemi comportamentali. Lo dimostra uno studiodell’Università di Montreal, in Canada, pubblicato su Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics.

La novità

Questa è la prima ricerca volta a misurare i benefici a lungo termine di pranzi e cene in famiglia, valutandone i riflessi sulla crescita dei bambini: per farlo, i ricercatori hanno preso in esame 1.500 nati tra il 1997 e il 1998, monitorati fin dai primi mesi di vita. Al compimento del sesto anno di età, i genitori sono stati intervistati per valutare quanti pasti venissero consumati in famiglia. A quattro anni di distanza, i genitori sono stati riascoltati, insieme agli insegnanti, per inquadrare lo stile di vita di ciascun bambino e per valutarne il benessere psico-sociale.

Mangi in famiglia, cresci meglio

E’ così emerso che i bambini abituati a mangiare spesso a casa, in un contesto familiare di qualità, crescono meglio, sia da un punto di vista fisico che psicologico: a 10 anni di età risultano essere più in forma, meno dipendenti dalle bevande zuccherate, più socievoli, meno aggressivi e impulsivi.

Lezioni a tavola

La presenza dei genitori durante i pasti offre interazioni sociali dirette, discussioni su questioni di tipo sociale e sui problemi di tutti i giorni, oltre che un insegnamento indiretto delle interazioni prosociali in un ambiente familiare ed emotivamente protetto. Sperimentare queste forme positive di comunicazione aiuta i bambini a interagire meglio con le persone esterne al nucleo familiare. Da un punto di vista di salute pubblica, i dati dimostrano che i pasti in famiglia, nel lungo termine, possono avere effetti positivi sulla salute e sul benessere mentale dei bambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Dino De Simone non si trova, le ricerche proseguono senza sosta

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

  • Travolto da un'auto mentre va al lavoro, grave un uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento