• Lo scisma piacentino di don Paolo Miraglia

  • Settembre 1896, capi di pollame scorrazzano per le vie: multati i proprietari

  • Maggio 1896, i soldati a caccia dei rondoni di Palazzo Farnese

  • Maggio 1896: i bottonifici piacentini esportano in Europa, Indie e nelle Americhe

  • Aprile 1896, restaurata la facciata della chiesa di San Francesco

  • Aprile 1896, lamentele per le condizioni delle ambulanze cittadine

  • Marzo 1896, nel corso dell’inverno distribuite 18.868 razioni di minestra e polenta

  • Marzo 1896, il cordoglio di Piacenza per le sconfitte delle armate italiane in Africa

  • Febbraio 1896, da Piacenza a Pianello si va in tramvai

  • Gennaio 1896, per la Camera di Commercio di Milano il formaggio Grana è solo quello prodotto a Lodi

  • Gennaio 1895, Verdi dona una cospicua somma all’asilo di Cortemaggiore

  • Dicembre 1895, tanti i piacentini ubriaconi e schiamazzatori condotti in camera di sicurezza

  • Dicembre 1895, Piacenza depredata dei suoi centri di potere

  • Novembre 1895, al Politeama un direttore schiaffeggia e frusta due giornalisti

  • Novembre 1895, in città ci si lamenta: i giovani lanciano sassi alle finestre

  • Ottobre 1895, sotto i portici del Filodrammatico i piacentini rimangono stupiti nell'ascoltare il fonografo Edison

  • Settembre 1895: già allora la città perdeva centri direzionali, sedi e uffici

  • Settembre 1895, quattrocento polli morti asfissiati in treno e venduti a basso prezzo in pochi minuti

  • Agosto 1895, via Dìrìtta cambia nome in via XX Settembre

  • Agosto 1895, don Miraglia querela il vescovo Scalabrini e trecento sacerdoti

  • Luglio 1895, si dimettono sindaco e Giunta dopo una discussione sul bilancio

  • Luglio 1895, nessuno vuole dare una mano nei seggi elettorali