Il tarlo scemo

Il tarlo scemo

Piacenza biciclettata nudista?

Piacentini lamentosi, è finito il tempo della lagne da aperitivo e del poco concreto, di cui io sono per primo un esponente. Dobbiamo fare come a Madrid, dove per protestare (in questo caso contro lo smog), hanno organizzato una biciclettata...

Piacentini lamentosi, è finito il tempo della lagne da aperitivo e del poco concreto, di cui io sono per primo un esponente. Dobbiamo fare come a Madrid, dove per protestare (in questo caso contro lo smog), hanno organizzato una biciclettata. E dato che noi di piste ciclabili ne abbiamo a iosa, e in più rompiamo le scatole per il clima umido della Pianura Padana, mai come in questo caso possiamo rubare l’idea agli spagnoli che la pedalata se la sono fatta tutti nudi. Se lo fanno loro, perché non possiamo farlo anche noi? Invece di lanciare messaggi di protesta sui social sena poi fare nulla, leviamoci le mutande e andiamo in piazza! L’idea potrebbe partire dai commercianti per ravvivare il centro sempre più morto, oppure dai gestori di locali che si lamentano della crisi. Altroché happy hour; qui si potrebbe proporre il nude-spritz, con un euro di sconto se me lo bevi con gli attributi al vento. Immaginate Piazza Cavalli e il Corso pieno di gente nuda in bicicletta, guidati da qualche autorità piacentina che “sulla canna ha montato il pennone sventolante la pelliccia della lupa.”

Passaggio obbligato sul pompino del Facsal per rinfrescare il sellino e poi giù dalla discesa, veloci come saette, verso lo stadio dove andrà a concludersi la parata dei para-peti con una grigliata sempre tutti nudi, in stile Val Trebbia, che non si può dire di no.

Uomini e donne, non allarmatevi se non siete in forma, se non siete più giovanissimi e se non siete in grado di dire a vostri piccoli figli cosa sta succedendo, tanto non ci siamo mai preoccupati di tante altre cose; cosa volete che siano piselli e tette al vento?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tarlo scemo

Nereo Trabacchi nasce a Piacenza nel '74, città dove tutt'ora vive e lavora. La sua principale attività è nell'azienda di famiglia, ma da qualche anno, la sua passione prima per la lettura e poi per la scrittura, gli hanno permesso di pubblicare sette romanzi. Alcuni titoli come Brindo e me ne vado e Il re della città, hanno conosciuto fortuna su tutto il territorio nazionale. Le sue principali passioni sono il cibo, il vino, la fotografia e gli scacchi

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Strano, io ho solo riportato una parola contenuta nel testo, a me viene censurata e a te no...capisco che si tratta di un sistema di censura automatico su alcuni sostantivi...potevamo chiamarlo fontana, ma capisco che il tono dell'articolo richiedesse qualcosa di più ...in tema

  • Mutande, attributi, canna, pennone, pelliccia, @#?*%$o, peti, piselli, tette. Manca qualcosa all'articolo?

  • A me la me piass vestida! L'emuzion della gona sollevata dal vento è più sexi che minga i tett de la "colonella" pere pendenti in Cesenatico. Biot vor di fa vede amca quel che va nascost! Biot vor di che la minestra le nel piatt! Biot vor di anticipà i temp con nient de scupri, Num de milan disun Balabiott, chi se dis "ritorno alla natura".

Torna su
IlPiacenza è in caricamento