Libri piacentini

Libri piacentini

"Val Trebbia. Monasteri, torri e castelli nelle convalli della Dorba di Mezzano, di Concese e di Bobbiano"

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri di autori piacentini, per nascita o per adozione e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale

Val Trebbia. Monasteri, torri e castelli nelle convalli della Dorba di Mezzano, di Concese e di Bobbiano

Autore Giorgio Eremo

Editore LIR Edizioni

Pagine 356

Formato cm 23 x 29

Anno edizione: 2019

Prezzo euro 39

In copertina: Il torrione e la chiesa di Bobbiano; in quarta di copertina: Il torrione di Cadonica; entrambi olio su tela di Bruno Grassi.

E’ questa un’importante pubblicazione, sotto il profilo storico e architettonico che illumina anche località di scarsa notorietà nelle loro emergenze quali monasteri, torri e castelli studiate dall’autore. In effetti, scrive Marco Horak nella presentazione, se è presumibile che nei secoli a venire saranno ancora ben conosciuti i grandi complessi castrensi della provincia di Piacenza (che con ogni probabilità rimarranno ancora esistenti e in buone condizioni fra molti secoli, salvo deprecabili e tragiche calamità naturali), non si può esserne altrettanto sicuri per quelle costruzioni minori, oppure solo poco note, che magari già oggi versano in non buone condizioni di conservazione e che si trovano allocate in territori impervi e poco frequentati.

Le pagine del libro illustrano monasteri, torri e castelli nelle convalli della Dorba di Mezzano, di Concese (oggi Concesio) e di Bobbiano, tutte zone adiacenti alla più nota Val Trebbia. L’autore ci accompagna in un viaggio avvincente ricco anche di vicende umane che prendono avvio nell'alto medioevo, col monastero benedettino di San Paolo di Mezzano e i suoi abati, tra i quali nel XIII secolo si distinse Opizzo, membro della potente casata ligure dei Fieschi. Intrighi politici ed economici accompagnarono nel tempo la vita di questa comunità religiosa che, almeno nei primi secoli, dovette rivaleggiare con i monaci di San Colombano di Bobbio, soprattutto riguardo alle grandi proprietà terriere dei due monasteri. Sanguinose lotte di fazione furono causa nella media Valtrebbia di continue distruzioni. Faide familiari insorte fra uomini di potere che arrivarono persino a proteggere feroci briganti, dei quali si servivano per le loro malefatte. Castelli e torri sorgevano in luoghi strategici, lungo obbligate vie di comunicazione, alfine di controllare i traffici commerciali e riscuotere i pedaggi.

Il volume, suddiviso in tre parti, si apre con un capitolo introduttivo del geologo prof. Giuseppe Marchetti grazie al quale il lettore, prima di iniziare il suo percorso nei luoghi descritti da Eremo, ha modo di conoscere l’evoluzione e le caratteristiche geomorfologiche del territorio in sinistra Trebbia trattato da Eremo. La narrazione dell’autore inizia con un richiamo al percorso del torrente Dorba di Mezzano per poi approfondire l’argomento Abbazia e Abati, i Signori della valle, la chiesa, la casatorre, l’abitato, l’oratorio, e i castelli di Cadonica e Ajguera (ormai scomparso), il Castrum di Poggio di Areglia e la Casatorre di Freddezza. Nella seconda parte ci si addentra nella casatorre di Embresi e sulla famiglia Anguissola che per lungo tempo signoreggiò sul territorio. Della parte terza sono protagonisti i Castrum di Caverzago, Bobbiano e San Giorgio del quale rimane ancora qualche testimonianza.

Il libro comprende la riproduzione fotografica di una cospicua raccolta di documenti antichi, a dimostrazione del rigore scientifico che ha caratterizzato la ricerca storica compiuta da Eremo; i testi sono corredati di un repertorio fotografico di alto livello e da 16 pagine di immagini colori di grande formato.

GIORGIO EREMO, laureato in Giurisprudenza, è storico e appassionato studioso di archeologia, autore di numerosi contributi e articoli per il quotidiano Libertà, ha già all’attivo diciotto pubblicazioni, vere e proprie esaustive monografie di approfondimento dei temi trattati.

Libri piacentini

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri di autori piacentini, per nascita o per adozione e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Giorgio Eremo mi sembra che abbia proprio il nome giusto per uno che vuole scrivere di monasteri

Torna su
IlPiacenza è in caricamento