• Quando in colonia si andava all’Isolotto Maggi, la “Rimini” dei piacentini

  • I nomi strani di strade, vicoli e cantoni: Cantòn dal Guast e Cantòn ‘dla Puvartà

  • Strade, vicoli e cantoni di Piacenza: quanti nomi stravaganti

  • Anni ’30, la ditta Scardi (prima in Italia) imbottigliava latte alimentare

  • Cominciò con un “giro di manovella” l’avvio della "Autotrasporti Leonardi"

  • Ulisse Bubba, il creatore del mitico “testa calda”

  • La “Bubba”, le macchine agricole piacentine d'avanguardia

  • La storia della “Rdb” di Pontenure, dal mattone al laterizio

  • Cementirossi, il fascismo e la guerra non pongono fine all’attività del cavaliere Giovanni

  • I pionieri dell’industria piacentina: Giovanni Rossi fa grande la Cementirossi

  • Massarenti, il geniale perforatore di pozzi

  • Il tempio del “Dio mestolo” nell’antica trattoria della Posta

  • I Tansini: tre generazioni di fabbri e cantanti, con Ferruccio sindaco “di ferro”

  • La fruttivendola “Tirisòna”, il pappagallo Loreto e Camozzi che per la fame mangiò un topo: i personaggi di via Trebbiola

  • La storia del quartiere di San Savino, quei bei tipi di “Trebbiola”

  • La storia di Attilio, mitico cameriere di Tosello. Per sessant’anni tra piatti, tovaglie e posate a Piacenza e non solo

  • Angelo Biavati, più di cento recite come “Tognass-savatèi”

  • La Piacenza allegra e bontempona di Gigi Del Papa al tempo delle “imprese” coloniali

  • Gigi Del Papa, cantautore e ballerino della Piacenza degli anni ’30

  • L’”omèi”: pipa, tanti ciottoli e una medaglia d’oro dimenticata nel cassetto

  • “Giuvanèi” e la “butiga di piasér”: riparava tutto e si accontentava di poco

  • Strà ‘lvà, altri protagonisti della borgata: gli “oscuri” campioni ciclisti della contrada