Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

14 giugno: giornata mondiale del donatore. Opinioni sulla donazione volontaria e non remunerata

L’articolo della nostra collaboratrice Rosanna Cesena:

http://www.ilpiacenza.it/blog/salute-e-medicina-on-line/sangue-sicuro-per-tutti-il-14-giugno-e-la-giornata-mondiale-del-donatore.html,

ha indotto alcuni lettori ad esprimere loro considerazioni su alcuni aspetti generali della tematica della donazione del sangue.

La dottoressa Cesena li ringrazia per l’attenzione e fornisce alcuni elementi di conoscenza:

Carissimi donatori,

ho appreso i vostri commenti e tenterei di darvi alcune risposte. Oggi, sono diverse le Associazioni che si occupano di attività di prelievo a scopo trasfusionale, tutte svolte con fine solidaristico ed umanitario. Si parla infatti  di donazione, perché il sangue è un dono  che un donatore  anonimo rivolge ad un anonimo ricevente che ne ha la necessità in quel determinato momento.  Tutti possiamo avere bisogno di sangue e le strutture Associative e ospedaliere garantiscono, non sempre facilmente, la disponibilità di risorse, sia in urgenza che  nel trattamento di diverse  patologie. Quante vite sono state salvate ed ancora si salveranno grazie alla generosa disponibilità,  di questi preziosi  donatori! 

Donare il proprio sangue per una singola persona, può succedere in rarissimi casi, ma non sta in piedi come sistema (c'è il problema della compatibilità!) La necessità di sangue ed emoderivati è molto alta e  questo comporta di avere  un'ampia disponibilità  di donatori idonei, cioè in stato di buona salute e con  tutti i requisiti fisici ed accertamenti diagnostici  prescritti dal Protocollo di prelievo ( Decreto 2 novembre 2015  Ministero della Salute). 

Sono stata, per molti anni un medico prelevatore ed un Direttore Sanitario  di una Associazione e ho aver svolto volontariamente ed in modo appassionato questo lavoro che mi ha arricchita di profonde esperienze umane. Non vi so spiegare con esattezza il criterio dei rimborsi e di quanto siano gli importi, si tratta di questioni amministrative, ma sicuramente a questi concorrono spese per gli esami di laboratorio e strumentali periodici dei donatori, esami per la validazione biologica delle sacche, corsi di formazione del personale addetto ai prelievi, stipendi per il personale dipendente, attività di  sensibilizzazione ed eventi per la promozione al dono del sangue, benemerenze  per premiazione dei donatori etc. Uno degli alunni delle scuole elementari della città mi aveva scritto questo:

"Un giorno, un uomo,

non so chi

mi ha salvato  la vita,

mi ha dato 

un po' del suo sangue.

Dove  potrò rintracciare

quell'uomo

da ringraziare?

Forse, non lo troverò mai,

ma troverò anch'io

qualcuno da salvare!

Stefano C.

Cordialmente,

Rosanna Cesena

Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • la dottoressa Cesena ci ha raccontato il lato positivo della medaglia, è questo è bello e sempre importante. Però, purtroppo, bisogna anche considerare che ogni medaglia ha sempre due facce: quella buona, ma ahimè, esiste anche quella brutta e cattiva. Proprio oggi, ad esempio, ho letto un articolo che diceva che perfino la Croce rossa è un disastro, che non riesce neppure più a versare le liquidazioni ai suoi 2500 dipendenti, perché l'associazione umanitaria più antica e decorata d'Italia le ha “incenerite” dilapidandole in anni di sprechi faraonici. Così, nonostante ci siano ben 160 mila eroici volontari che operano gratuitamente, una parte della Croce rossa ha dovuto essere addirittura commissariata. Le rose sono dei fiori molto belli, ma hanno anche le spine

  • Tutto chiaro. Lei parla della "sua esperienza", ma l'Italia, anche se definita "Unita", in realtà è una Federazione di Regioni, molto diverse tra loro per cultura, lingua e... Sanità.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento