Esse come sicurezza

Esse come sicurezza

Quattro anni e otto mesi per il pestaggio di un uomo dello Stato? Sono anche pochi

Una sentenza del genere non dovrebbe creare stupore, ma dovrebbe essere la normalità. Quell’uomo in divisa, insieme a tutti i colleghi, era lì per far rispettare le regole democratiche, quelle costituzionali

Quattro anni e otto mesi di detenzione per aver usato violenza fisica contro un uomo dello Stato che stava operando per garantire l’ordine e la sicurezza pubblica al fine di consentire il libero esercizio del dissenso democratico, non dovrebbe creare stupore, ma dovrebbe essere la normalità. Anzi, per quanto mi riguarda, rivedendo le immagini violente e notando con quanta durezza si colpisce un uomo in divisa mentre è a terra - uno contro cento - sono anche pochi. Quell’uomo in divisa, insieme a tutti i colleghi, era lì per far rispettare le regole democratiche, quelle costituzionali; di quella costituzione che si invoca solo quando fa comodo per difendere, ad esempio,  la norma costituzionale dell’antifascismo utilizzando, però, in violazione della costituzione stessa, metodi violenti e facilmente accostabili al fascismo stesso e al regime comunista.  Estremismi che spesso sono figli della stessa mentalità violenta e totalitaria. È questa la strada da seguire contro chi usa violenza nei confronti della donne e uomini dello Stato nell’esercizio delle loro funzioni democratiche, e vorremmo che in tutto ciò non sia fatto un solo passo indietro neanche per prendere la rincorsa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le lievi pene inflitte nel tempo, come si è potuto notare nei fatti di cronaca, hanno consentito a troppi teppisti e delinquenti di usare violenza e minacciare, anche di morte, chi è chiamato a garantire la sicurezza dei cittadini. Pertanto, noi del Siap, speriamo che per il futuro siano poste in essere pene ben più consistenti utili a consentire un servizio a beneficio della comunità ben più incisivo. Se così non sarà, prima o poi saremo noi costretti a manifestare davanti ad un carcere per chiedere che chi ha usato violenza contro uomini e donne delle istituzioni intenti a difendere gli altri stia dentro le mura e le inferriate delle carceri italiane affinché, finalmente, possa essere sconveniente delinquere. 

Esse come sicurezza

La sicurezza, i problemi e le questioni legate al ruolo che oggi la Polizia di Stato riveste nel nostro territorio e in tutto il Paese, commentate e approfondite dal Siap di Piacenza. Interviene direttamente Sandro Chiaravalloti, segretario provinciale e regionale, e membro del direttivo nazionale

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento