Uccellacci e uccellini

Uccellacci e uccellini

Seta, è ora di scegliere il nuovo presidente. Modena si lamenta: «Qua i bus più vecchi»

Vanni Bulgarelli lascia la presidenza della società del trasporto pubblico “Seta”. Il nuovo presidente arriverà dal modenese: i candidati espressione di Cna e Cgil

Curioso: a Modena la politica locale critica l’azienda “Seta” per l’anzianità della sua flotta. Evidentemente il problema è comune a tutti i bacini su cui opera l’azienda del trasporto pubblico: Piacenza, Reggio Emilia e Modena. Il territorio modenese si è sentito penalizzato in questi anni. Come se Piacenza fosse stata benedetta da investimenti consistenti. Le lamentele, ora che siamo arrivati al termine del mandato del presidente Vanni Bulgarelli, si alzano anche dalla politica modenese. Se a Piacenza si considera “anziana” la flotta di Seta per il bacino piacentino, a Modena non vengono lesinate critiche all’operato dell’uscente Bulgarelli, in passato dirigente politico in quota centrosinistra. Il capogruppo di Forza Italia in Regione e in Comune a Modena, Andrea Galli, ha criticato il presidente a fine mandato della spa dei trasporti pubblici di Modena-Reggio-Piacenza, che ha tracciato “un quadro deprimente della situazione del trasporto pubblico locale” parlando di una Modena penalizzata soprattutto sul rinnovo dei mezzi. «Seta - continua Galli- chiude il bilancio in positivo solo grazie a metodi da padroni delle ferriere dell'800». «La gestione Badalotti-Bulgarelli-Muzzarelli si è contraddistinta per tre criteri: aumento delle tariffe, risparmio indecente sulla manutenzione dei mezzi e sfruttamento del personale. Forse in tal modo i conti possono quadrare, ma la sicurezza del trasporto pubblico è pesantemente inficiata da questo modello». «Senza considerare - insiste l’azzurro in una nota - è che non solo il bacino di Modena copriva coi propri incassi i buchi di Piacenza e Reggio, ma ora per estrema beffa scopriamo che a Modena arrivavano anche i mezzi più vecchi e quindi meno sicuri. Adesso, per la nomina del nuovo presidente Seta, pretendiamo competenza e nessuna logica legata al possedere tessere di partito o alla garanzia di fedeltà assoluta al potere. Bulgarelli venne scelto nonostante la sua incompetenza in tema di trasporto pubblico, ammessa in modo candido. Non deve essere più così».

Chi sarà il sostituto di Vanni Bulgarelli? In pole position sembrerebbe esserci Mirko Valente, 43enne di Mirandola, di "Cna" Modena. L’altro candidato alla presidenza è Andrea Cattabriga, 61enne di Finale Emilia, ex segretario provinciale della Fiom e tuttora nella Cgil. Il 28 maggio, nell’assemblea dei soci di Seta, verrà scelto il nuovo presidente.

Uccellacci e uccellini

" Il racconto della politica piacentina. Le voci e i commenti. Un piccolo spazio all'ombra del Gotico dove raccontare e commentare liberamente il senso dei fatti, i rumori e le polemiche provenienti dal ""Palazzo"", le maschere, le vanità e le debolezze della politica locale. Un punto d’osservazione per fermarsi un attimo e smettere di rincorrere l’annuncio dell’ultimo minuto. Un angolo dove osservare la partitocrazia locale che si confronta e discute, con i suoi mal di pancia interni, le sue ambizioni, i suoi sogni, mentre intorno compaiono i segni del collasso di una delle tante province d'Italia colpite da una crisi economica e, anche, di rappresentanza della gente che la popola "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento