Animali in casa: ecco le regole condominiali

L’entrata in vigore della nuova riforma dei condomini ha eliminato il divieto di detenere animali domestici. La libertà però di possedere un animale deve tenere conto del rispetto dei diritti degli altri condomini e di alcuni doveri

foto Ansa

Animali in condominio, si possono tenere sì o no? Cosa dice la legge? Fino a qualche anno fa non era raro imbattersi in annunci nei condomini che specificavano il divieto di tenere animali domestici in casa per gli inquilini.

La legge 220/2012, all’articolo 1138 c.c. (Regolamento di condominio), nell’ultimo comma riconosce invece il diritto di tenere animali domestici nel condominio specificando che “le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici”. 

Se però non si può più vietare la presenza di animali domestici negli appartamenti condominiali, è altrettanto vero che esistono anche determinati obblighi e doveri da parte dei loro possessori, per garantire la convivenza civile e il rispetto di tutti. E’ importante infatti da parte dei proprietari degli animali garantire il rispetto delle norme di sicurezza, igiene e salute per non arrecare disturbi agli altri condomini, che potrebbero poi richiedere ad esempio l’allontanamento dell’animale. 

Valgono ad esempio le disposizioni contenute nell’ordinanza del ministero della Salute in vigore dal 23 marzo 2009 che prevede, tra le altre cose, l’obbligo per i proprietari dell’animale:

  • mantenere pulita l’area di passeggio;
  • utilizzare il guinzaglio ogni luogo;
  • applicare la museruola in caso di animali aggressivi.

Inoltre, è bene ricordare che:

  • gli animali non possono essere lasciati liberi di circolare negli spazi comuni senza museruola e guinzaglio. Il proprietario sarà ritenuto responsabile civilmente e penalmente in caso di danni o lesioni a persone;
  • il proprietario sarà ritenuto responsabile anche qualora l’animale emetta rumori molesti intollerabili o odori sgradevoli (articolo 844 cod. civ.). e il condominio può richiedere l’allentamento dell’animale dall’abitazione (art. 700 cod. proc. civ.). Sebbene sia riconosciuto il diritto dei cani di abbaiare, ad esempio, è però vero che per il proprietario sussiste l’obbligo di ridurre al minimo le occasioni di disturbo e di prevenire le possibili cause di agitazione ed eccitazione dell’animale (vedi Cass. pen. n. 7856/2008);
  • in caso di immissioni rumorose è possibile ipotizzare il rato di “disturbo del riposo delle persone” (art. 659 cod. pen.) purché tale disturbo venga arrecato a un numero indeterminato di persone;
  • è vietato abbandonare per un lungo periodo gli animali domestici su bacini o in casa: in quel caso potrebbe ipotizzarsi il reato di “omessa custodia” (art. 672 cod. pen.).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Ricordo un illuminato intervento dell'Avv. Corrado Sforza Fogliani il quale precisò - ad un corso specialistico - che la libera detenzione di animali sancita dal Codice non vale in presenza di un Regolamento Condominiale di tipo contrattuale (e non assembleare) che ne vieti la detenzione. In tal caso - per dirla in parole molto povere - il regolamento, essendo contrattuale (e dunque richiamato nel rogito, con tutto ciò che comporta in termini di pubblicità e opponibilità a terzi) diventa negozio fondamentale dell'atto notarile, con tutti gli obblighi connessi in capo al proprietario. Sarebbe interessante approfondire compiutamente la questione, giusto per non cavalcare sempre e solo l'onda del buonismo e dell'animalismo della prima ora.

    • Ringrazio Luca delle gentili espressioni a mio riguardo. Amo gli animali ma anche lo stato di diritto. Confermo la mia interpretazione sulla base del dettato di legge, anche per come interpretato alla luce dei lavori preparatori. Ne ho scritto abbondantemente sul mio Codice del nuovo condominio. Grazie ancora a Luca e a tutti gli interessati all’argomento. csf

      • La ringrazio per la gentile replica. Sono a mia volta un amante dello stato di diritto, degli animali ma soprattutto dei padroni educati. Purtroppo quotidianamente ci si trova di fronte a proprietari di animali secondo i quali tutto sarebbe lecito. E un articolo stampa scritto troppo frettolosamente, a volte per tappare un buco o fare numero, rischia di generare più confusione che comprensione. Buon lavoro.

        • Grazie ancora a Luca. Al quale spero sia noto il mio impegno perché i proprietari di cani siano obbligati a condurli disponendo di una bottiglietta d’acqua. Cordialità. csf

Notizie di oggi

  • Casa

    Animali in casa: ecco le regole condominiali

  • Casa

    Conservare le bollette: per quanto tempo?

  • Casa

    Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Casa

    Bonus mobili 2018: come funziona e come avere lo sconto

I più letti della settimana

Torna su
IlPiacenza è in caricamento