Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Dio, Patria e famiglia

Torna a Dio, Patria e famiglia

Commenti (9)

  • Piuttosto imbarazzante dividere con l'accetta il mondo in due : gli "estimatori" e i "detrattori" di Dio Patria e Famiglia. Mi sembra che Lei voglia giocare un po' sul titolo della Sua rubrica "Anticaglie", e che sottovaluti l'intelligenza delle persone. Una domanda seria sulla propria dimensione religiosa penso se la facciano in tanti ; e l'ateismo non può essere semplicemente derubricato ad atteggiamento ideologico o a ripudio del passato, così come la fede di ogni singola persona merita il dovuto rispetto . Sinceramente, non so quanti "detrattori ideologici" della famiglia esistano, credo che chi chiude i ponti con il proprio nucleo lo faccia per vicende assolutamente personali e non ideologiche. Incomprensibile poi il fatto che avere un atteggiamento aperto verso il resto del mondo, verso il nucleo morale e culturale del globo che è l'Europa debba per forza coniugarsi con un disprezzo verso il nostro Paese, l'Italia . A tal proposito ricordo che solo pochi anni fa coloro che attualmente si fanno portavoce del nazionalismo italico chiedevano la secessione dalla Patria, e che avrebbero utilizzato volentieri il Tricolore in toilette. Cito una frase che a me è sempre piaciuta : la parte giusta non è un luogo dove stare, ma è piuttosto un orizzonte da raggiungere, insieme. PS : ma perchè salvare gente in mare è immorale ?

  • fantastico come sempre.... Perché non fa articoli di due righe che dicono "noi liberali, cattolici, etero bravi, gli altri tutti cattivoni distruttivi comunistI (e pure un po' f**ci) ". Tanto finisce sempre lì. Che poi fa niente che voi "liberali" di liberale abbiate ben poco, fa niente che di cattolico abbiate solo il rosario da baciare e guai se seguite due precetti in croce della vostra religione, fa niente se di famiglie ne avete più di una, più le amanti e volendo ci scappa pure di andare a zie o a trans. Fa niente se la vostra "patria" sono solo quelli che la pensano esattamente come voi perché la patria è patria solo se la pensa come voi. Se è accogliente con gli stranieri, per qualche strano motivo che conoscete solo voi, non è patria. Se vieta di insultare o menare i non (almeno pubblicamente) etero, allora non è patria, è sodoma. Sulla parte di dio poi siamo al ridicolo, come sempre.... Ditemi una volta per tutte perché dio debba essere il vostro e non uno degli altri mille dei che ci sono (o sono stati) nella storia umana. Un dio solo per il mondo occidentale e altri dei per altri luoghi e culture? Cos'è una associazione di imprese divine e ognuno ha fatto un pezzo di creato. Dai su...

  • I comunisti ( quelli che nel 2019 definiscono gli immigrati delle risorse ma iscrivono le figlie femmine ai licei perchè sperano che nn frequentino stranieri)non accettano dio,patria&famiglia...io che sono anticomunista non ho problemi...

  • E' normale, nel periodo storico in cui viviamo, quanto scritto, con valentia, nell'articolo. Noi viviamo nel 3°periodo del ciclo storico di G.B.Vico, la sintesi e crisi che porterà al periodo storico successivo. E' come se vivessimo nel 3°/4° secolo d.C., per intenderci. Non posso dire alcune componenti perché sarebbero parole vietate dal buonismo di certi politicanti che imperversano sulla TV e altri cosiddetti Media. Scusatemi, ma son fatto così.

  • Caro Giorgio, pur con tutta la simpatia ed il rispetto per le idee altrui, la penso in modo diametralmente opposto. Dio, purtroppo per chi non ci crede, c'è, e per parafrasare la battuta, non sono io :-). La Patria, che scrivo con la maiuscola, attualmente è una povera e degradata colonia americana, bistrattata dalla storia e dai suoi stessi figli; ma sono convinto che un giorno risorgerà come luogo del cuore e della memoria, oltre che di una storia politica, artistica, intellettuale e religiosa di cui andare assolutamente fieri. La famiglia, infine, non è una piovra, anche se piacevole, ma a mio modo di vedere l'unico istituto umano e sociale su cui può basarsi la società. Un istituto fatto naturaliter da un uomo, una donna e (se il Dio di cui sopra vuole) figli. Il resto è volontà di autodistruzione.

    • buongiorno Alessandro, non mi pare che la pensiamo in modo opposto proprio su tutto. Ad esempio sulla famiglia condivido pienamente ciò che hai scritto sopra. Dove la pensiamo in maniera diametralmente opposta è invece su dio, alla cui esistenza personalmente non riesco purtroppo proprio a credere e, se devo essere sincero, devo anche ammettere che se ne esistesse davvero uno come quello che viene descritto al catechismo ne sarei terrorizzato

      • Ellapeppa, che maestra di catechismo avevi? La suora dei Blues Brothers? :-)

        • la mia maestra credo che fosse uguale a tutte le altre e mi ha banalmente descritto quel dio di cui parla la bibbia, il quale è semplicemente sanguinario, irascibile e vendicativo. Ognuno ha i propri gusti, ma a me queste caratteristiche non piacciono (ma chiaramente non è questo che non credo alla sua esistenza)

  • dio purtroppo non c’è. E ciò si vede benissimo. La patria è solamente un principio, perché tutto il mondo dovrebbe essere la nostra patria e dovremmo sentirci cittadini del mondo. La famiglia, infine, è la nostra vera patria del cuore ed è una sorta di piovra che ci avvolge con i suoi tentacoli benigni dai quali non vorremmo liberarci mai

Torna su
IlPiacenza è in caricamento