Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Un ricordo di Alfredo Pizzoni, liberale e vero capo della Resistenza

Alfredo Pizzoni fu, senza alcun dubbio, il negoziatore principale, per conto della Resistenza italiana, con l’Alto comando alleato per tutti gli aiuti militari e finanziari ai partigiani
Torna a Un ricordo di Alfredo Pizzoni, liberale e vero capo della Resistenza

Commenti (1)

  • La importante componente "social-comunista" si "autoidentificò" nella Resistenza di tutti e portò avanti quasi in esclusiva la vulgata e la rappresentanza dei partigiani. Tanti ex partigiani "democratico/liberali" non ressero alla pressione e progressivamente abbandonarono il movimento. Molti partigiani erano assai ideologizzati e praticamente volevano passare da Mussolini a Stalin cioè al comunismo (democrazia ciao...); ci andò bene per un pelo. Comunque la storia "raccontata" del periodo ha molte lacune (addirittura tanti importanti fatti emersi vengono sottaciuti). Queste sono testimonianze sincere raccolte da chi ha attivamente partecipato alla Resistenza senza retoriche postume.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento