Arraffano cibo e profumi al supermercato, due nomadi arrestate

Caorso, fermate dal personale del negozio e poi dai carabinieri di Monticelli. Entrambe romene e residenti a Cremona avevano preso merce per 250 euro. Una è tornata in libertà, l’altra ha l’obbligo di firma

Le ha viste mettere la merce nella borsa. L’addetto alla sicurezza le ha seguite e le ha fermate dopo aver oltrepassato le casse. Nelle borse, avevano cibo e prodotti di proverai per un valore di 250 euro. Due nomadi romene, residenti a Cremona, sono state arrestate il 25 settembre, dai carabinieri i Monticelli, e accusate di tentato furto al supermercato Famila di Caorso. Processate con rito direttissimo, il giudice Laura Pietrasanta ha convalidato gli arresti e rimesso in libertà una e disposto l’obbligo di firma per l’altra. Il pubblico ministero, Sara Macchetta, aveva chiesto gli arresti domiciliari per entrambe.

La donna di 46 anni, difesa dall’avvocato Claudio Castagnetti, aveva nella borsa alcuni generi alimentari (carne, olive), per un valore di una ventina di euro. L’avvocato ha chiesto la remissione in libertà perché la donna ha una figlia minorenne, di 15 anni. L’altra nomade, una 32enne, è stata difesa dall’avvocato Roberto Ferroni. nella borsa della romena sono stati trovati prodotti, per lo più di igiene e profumeria, per un valore di oltre 220 euro. Per quest’ultima, il giudice ha disposto l’obbligo di firma. Il processo è stato rinviato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Frontale sul rettilineo a Rottofreno, non ce l'ha fatta la 49enne finita fuori strada

  • Dopo il frontale finisce fuori strada: due donne ferite, una è gravissima

  • Le valli piacentine si svegliano imbiancate

  • Furgone centrato da un'auto travolge un ciclista e si schianta contro un muro: tre feriti

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento