Blitz nei campi nomadi all'alba, decine di arresti

Indagine per furti in abitazioni e aziende, maxi operazione dei carabinieri di Piacenza e Fiorenzuola. Perquisizioni e arresti nei campi nomadi di Piacenza (Torre della Razza) e Caorso (vicino al cimitero). Impegnati decine di carabinieri e anche un elicottero

Un memento dell'operazione (foto Bisa-Gatti)

Una maxi operazione dei carabinieri è scattata all'alba di venerdì 15 marzo a Piacenza e provincia. Decine di militari e mezzi, con anche il supporto di un elicottero, sono al lavoro per eseguire numerosi arresti e perquisizioni nei campi nomadi di Piacenza (Torre della Razza) e Caorso (vicino al cimitero). Si tratta di un indagine del Nucleo investigativo di Piacenza e delle Compagnie di Piacenza e Fiorenzuola, coordinata dalla Procura della Repubblica di Piacenza, su una grossa banda di ladri dedita ai furti in abitazioni e aziende. Le ordinanze di custodia cautelare eseguite sarebbero oltre trenta. I carabinieri hanno arrestato molti nomadi, anche in altre province, ed eseguito perquisizioni con anche l'impiego delle unità cinofile.
Impiegati nell'operazione militari del Nucleo radiomobile di Piacenza e Fiorenzuola, delle stazioni, il battaglione di Bologna, la Compagnia di intervento operativo, e le unità cinofile. Alle operazioni hanno partecipato anche agenti della Polizia Locale della Bassa.

Arrestate 34 persone residenti per lo più del campo nomadi della città e della provincia - sinti di origine veneta - ritenute responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati, furti in abitazione, estorsione, truffa, ricettazione, riciclaggio, utilizzo fraudolento dei mezzi elettronici di pagamento, detenzione e porto abusivo di armi nonché detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti tipo cocaina.

L’imponente attività d’indagine condotta dai carabinieri Nucleo Investigativo del  Comando Provinciale ha permesso di ricostruire il sistema con cui il gruppo criminale gestiva una florida attività dedita ai furti in abitazione, truffe ed estorsioni soprattutto ai danni di persone anziane, nonché presso cascine e aziende, e la successiva monetizzazione della refurtiva anche attraverso il canale dello smaltimento illecito di rifiuti ferrosi, avvalendosi di compiacenti ditte di trattamento dei rifiuti della Provincia. 
Ulteriori 6 provvedimenti cautelari, emessi dalla locale Autorità Giudiziaria, sono stati eseguiti sempre nella provincia da parte dei Carabinieri della Compagnia di Fiorenzuola d’Arda nei confronti di altrettante persone facenti parte di un sodalizio criminale dedito ai furti di capi ed accessori di abbigliamento griffati, perpetrati all’interno di una importante azienda di logistica nella quale alcuni di loro erano impiegati. Nel corso dell’attività investigativa è stata sequestrata merce per un valore di 600 mila euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • fantasticooooooooooooo grazieeeeeeeeeeeeee alle forze dell'ordineeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  • Sono contento almeno stamattina giustizia è stata fatta.

  • Temo sia il solito iter (le abbiamo già viste queste cose): arresti brevissimi, galera nulla o quasi, e tutto ritorna come prima.

  • Il campo nomadi è a carico dei cittadini naturalmente. Comunque tra poco saranno liberi. Sicuramente , i politici locali che li hanno sempre difesi saranno spazzati via definitivamente.

  • Tutto molto bene se non fosse che qualche magistrato domani li caccia fuori.questi vogliono solo i diritti degli italiani ma non i doveri sono parassiti

  • Da anni, propongo la stessa ricetta per risolvere questo problema, e molti altri, che poi e' una legge gia adottata da parecchi altri paesi (e che funziona); se una persona non ha la nazionalita' dello stato ospitante e non sa giustificare/dimostrare di cosa si mantiene deve essere espulsa. In questo caso, sono sinti del veneto, bene .. c'è da quardare se pero' sono italiani ( in questo caso dobbiamo tenerceli.. ) ma se fossero invece sinti o rom romeni o bosniaci, applicando questa legge sarebbero gia in madre patria.. E' cosi difficile applicarla? non possiamo alleggerirci di delinquenti comuni non italiani??

  • Speriamo che questa volta facciano sul serio...speriamo ! Ma chi li ha fatti entrare ? C`è tanto spazio in Siberia, e c`è anche l`aria pulita.

  • Chiuderli questi caspita di campi no è..!??

  • Tutta bravissima gente, ma a quando la chiusura DEFINITIVA di quelle che sono solo fucine di delinquenti?

  • Chiedo ancora a ilPiacenza, come già ho fatto senza successo in passato, di aggiornarci in futuro sul trattamento giudiziario per questi delinquenti, che temo sarà come al solito all'acqua di rose.

  • Avvertite la Boldrini ed indagate il fatto per antizingarismo.

  • Tutta brava gente!!

  • Era ora... e che diamine.

  • Domani dove saranno?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Soldi e gioielli per scacciare il malocchio: arrestata in centro a Piacenza la "Maga Anita"

  • Politica

    Caorso, Battaglia si ricandida: «Convinta dagli ultimi fatti accaduti e dalla vicinanza dei cittadini»

  • Cronaca

    Botte alla lucciola che non riusciva a pagare il marciapiede, sfruttatore in manette

  • Cronaca

    Preso in auto con 5 chili di hascisc, piacentino condannato a più di due anni

I più letti della settimana

  • Blitz nei campi nomadi all'alba, decine di arresti

  • Tir si ribalta e prende fuoco in A21, autostrada chiusa

  • «Russomando era tra chi contestava l’iniziativa contro l'erba della morte»

  • "Decolla" sullo spartitraffico e poi si schianta contro quattro auto in sosta, traffico in tilt

  • Schianto all'incrocio, auto si ribalta. Una donna all'ospedale

  • Furti, riciclaggio e minacce al sindaco, il pm: «Comportamenti tipici della criminalità organizzata»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento