Assolto l'ex ad della "Cronaca": «Vicenda oggi sgonfiata, persi due giornali che garantivano pluralismo»

Contributi pubblici all'editoria: Massimo Boselli Botturi, arrestato nel 2010 per truffa ai danni dello Stato, è stato assolto con formula piena dalla Corte di Appello di Brescia "per non aver commesso il fatto"

La ex redazione del quotidiano Cronaca in via Chiapponi

Massimo Boselli Botturi, ex amministratore delegato del quotidiano La Cronaca, è stato assolto dalla Corte di Appello di Brescia mercoledì 24 settembre. Arrestato nel dicembre del 2010 dalla Guardia di Finanza di Cremona, in primo grado era stato condannato a 2 anni e 6 mesi, ma il pronunciamento di secondo grado ribalta completamente quella sentenza visto che il giudice lo ha assolto con formula piena “per non aver commesso il fatto”. Addirittura la stessa Procura generale ha chiesto l’assoluzione ad inizio dibattimento per l’imputato.

Massimo Boselli Botturi era stato condannato in primo grado per avere percepito illecitamente oltre 5 milioni di contributi pubblici. Denaro che serviva per la realizzazione delle edizioni di Cremona e di Piacenza del quotidiano La Cronaca, editi rispettivamente dalle cooperative Nuova Informazione e Sep. L’accusa era di truffa ai danni dello Stato relativamente agli anni 2006-2007.

Già dopo oltre un anno di indagini sul caso del quotidiano La Cronaca di Piacenza e Cremona, il sostituto procuratore Francesco Messina aveva però già chiesto l’archiviazione per tutti e sette i soci che erano stati indagati dopo il blitz della Guardia di finanza della città del Torrazzo. Dunque, già al termine delle indagini preliminari, era stata drasticamente e profondamente ridimensionata, direttamente dal pubblico ministero, un’indagine delle fiamme gialle che all’epoca ave creato scalpore, ma che evidentemente aveva molto poco fondamento. E la sentenza di piena assoluzione in secondo grado per l’ex ad starebbe a confermarlo.

Massimo Boselli ha incontrato la stampa nello studio del suo avvocato Fabrizio Vappina. Come riporta il sito CremonaOggi, ha escluso che i due giornali possano ripartire («ormai il danno è fatto e questo danno non si ripaga» ha dichiarato), auspicando «che lo Stato finalmente possa scongelare i fondi che servirebbero a ripagare situazioni debitorie e stipendi arretrati».
«Una vicenda che oggi si è finalmente sgonfiata - ha concluso Boselli Botturi - ma che ha portato alla morte di due voci che a Cremona e a Piacenza garantivano un pluralismo democratico».

Potrebbe interessarti

  • «Centro diagnostico Rocca, eccellenza medica privata a supporto del sistema pubblico»

  • Perino e la curiosa storia della località "Due Bandiere"

  • Ricette piacentine: i pisarei e fasò

  • Piscine interrate: i costi e i tempi per averne una nel proprio giardino

I più letti della settimana

  • La Polizia Stradale fa un controllo sull’A21 Piacenza-Cremona e spunta David Hasselhoff

  • Gianpaolo Bertuzzi muore nel suo camper in fiamme

  • Bloccano un aggressore, poliziotti accerchiati e aggrediti al Peep

  • Prende a martellate la moglie, poi si accoltella al cuore: muore ex macellaio di Piacenza

  • Invade la corsia opposta, si schianta contro due auto e rimane incastrato: è gravissimo

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta nel campo, è gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento