menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsius

Imbrattava scuole con la maschera e il dito medio alzato, denunciato

Nei guai uno studente 20enne piacentino dell'area di estrema destra. Grazie a una foto pubblicata sul Web durante un raid notturno per attaccare manifesti abusivi, la Digos lo ha rintracciato e denunciato

La foto pubblicata su Internet da cui sono partite le indagini

Attaccava manifesti di propaganda abusivi, di notte, sui muri delle scuole della città. Intanto si faceva fotografare, alzando il dito medio in segno di sfida. Nonostante indossasse una maschera bianca, gli agenti della Digos di Piacenza sono convinti di aver rintracciato l'autore. Si tratta di uno studente piacentino di 20 anni, militante nell'area dell'estrema destra studentesca, che è stato denunciato per imbruttimento e deturpamento di edifici pubblici.

La polizia, perquisendo la sua abitazione in città su delega della Procura di Piacenza, ha trovato tutto: i manifesti, la maschera, i vestiti ritratti nella foto, la macchina fotografica che avrebbe scattato le immagini poi pubblicate su internet. Oltre, poi, a bandiere con croci celtiche, spray e altro ancora.

Le indagini sono nate alcuni mesi fa nell'area del movimento Azione Diretta di Piacenza. La Digos, che indagava sull'affissione abusiva di manifesti sui muri delle scuole piacentine del centro (Romagnosi, Gioia, Colombini, Casali e Taverna) sul sito internet del movimento piacentino, riconducibile all'area dell'estrema destra, ha trovato una foto eloquente. Un attivista che di notte, davanti a una scuola della città, attaccava fiero i suoi manifesti, sfidando tutti con il classico gesti del dito medio. La persona in questione indossava però una maschera bianca che lo rendeva irriconoscibile.

Altri accertamenti della questura hanno portato a sospettare del 20enne e a ottenere dalla procura della Repubblica una perquisizione che ha portato a trovare elementi più che sufficienti per la denuncia a piede libero. Trattandosi infatti di edifici pubblici, la polizia agisce d'ufficio trattandosi di un'aggravante.

Potrebbe interessarti


    Commenti (12)

    • Buongiorno alla capra di turno...le tue "trollate"sono inefficaci

    • Strano che il pollo-drin drin celodurista non abbia chiesto pena esemplare.....forse sono compagni di merende?

      • a proposito di animali da fattoria,sto qui è una pecora come te son diversi i pastori che vi guidano,ma a conti fatti siete della stessa pasta,entrambi col cervello lobotomizzato da ideologie bacate diversi i risultati,lui imbratta i muri a Piacenza,tu vai a urlare slogan in val Susa,ma non è peggio di te eh..anzi,lui ha 20 anni,è recuperabile,tu ne hai 50,ormai non c'è più nulla da fare

    • altro che galera...in un bel forno, di quelli che tanto ammira!!!

    • Complimenti ai genitori per aver dato vita a questo escremento della società.

    • Una volta scrivevano solo sui muri .....

    • La multa la paga il papa' o verra detratta dalla paghetta?

    • D'ammirare la fede ideologica o la sua stupidità? A Milano si misero delle telecamere e si scoprì che chi imbrattava i muri era pagato dalla ditta che li puliva!Ma è un'altra storia!

    • vabè almeno questo non è stato eletto in consiglio comunale...

    • Multone esagerato...e 6 mesi di galera.

    • Classico esempio di minus habens.

    • La mamma degli @#?*%$i è sempre incinta

    Più letti della settimana

    Torna su