Baia del Re nel mirino dei ladri da settimane, i residenti: «Siamo esasperati»

«Noi residenti del quartiere ci sentiamo "sotto tiro". Il parco, che è o perlomeno dovrebbe essere una risorsa, si sta mostrando come una magnifica via di fuga per i malintenzionati. Siamo al limite della sopportazione»

Il parco

Ancora la Baia del Re nel mirino dei ladri, a pochi giorni dal colpo, sfumato, in otto garage del quartiere, alcuni malviventi nel pomeriggio del 27 dicembre hanno messo a segno un altro furto. Si tratterebbe di tre persone che entrando in un appartamento in via Dodi hanno fatto suonare l'allarme attirando l'attenzione dei vicini che li hanno visti poi fuggire nel parco: in mano, fanno sapere gli appartenenti al gruppo di vicinato, avevano torce elettriche. Immediatamente sono arrivate le forze dell'ordine ma non basta: «Dopo questo ultimo episodio ed i recenti altri, avvenuti negli ultimi giorni - spiegano - noi residenti del quartiere ci sentiamo "sotto tiro". Il parco, che è o perlomeno dovrebbe essere una risorsa, si sta mostrando come una magnifica via di fuga per i malintenzionati, essendo in effetti poco illuminato, aperto 24 ore al giorno, disseminato di dissuasori per impedire l'accesso ai mezzi (giustamente, ma forse alcuni andrebbero sostituiti con quelli mobili anche per permettere l'accesso ai mezzi di soccorso) e, in questa stagione, poco frequentato». «Confermiamo l'importante attenzione e la piena disponibilità che ci dimostrano le forze dell'ordine ogni volta che li chiamiamo ma - continuano - se non si procede con la messa in opera di infrastrutture di prevenzione, non riusciremo mai a dissuadere i malintenzionati dall'utilizzare questo quartiere come "megastore" per loro spese. Noi residenti del quartiere stiamo giungendo al limite della sopportazione, per cui abbiamo già chiesto un incontro con l'amministrazione comunale per discutere della questione»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Coronavirus, l'aggiornamento del 27 marzo sui comuni del Piacentino

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 26 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento