«Bambini in trappola in caso di emergenza: troppe lacune a bordo degli scuolabus della città»

Blitz della Polizia Stradale e Polizia Locale a bordo degli scuolabus cittadini: «Cinture legate e bloccate ai seggiolini, porte di emergenza guaste, assenza di martelletti». Quattro i mezzi tolti dalla circolazione. I comandanti: «Situazione molto critica e allarmante»

Le cinture legate e bloccate sotto i sedili

«Francamente non ci aspettavamo di trovarci davanti ad una situazione così grave e preoccupante», questo il commento amaro dei comandanti della Polstrada Angelo Di Legge e della Polizia Locale di Piacenza Giorgio Benvenuti: insieme hanno illustrato l'esito dei controlli effettuati dai due corpi a bordo degli scuolabus cittadini, il dispositivo è stato coordinato dal comando di via Castello. Il Comune ha appaltato, già dalle precedenti giunte, alla Angelino Srl di Napoli il trasporto degli studenti di elementari, medie e materne. La società campana garantisce il trasporto per le scuole primarie Carella, Vittorino da Feltre, Mucinasso, Alberoni, San Lazzaro, Caduti sul Lavoro e Don Minzioni e per le scuole dell’ Infanzia di Gerbido e Borghetto. Per un totale di circa 10 mezzi, 8 dei quali da 40-45 posti l'uno. Almeno trenta le infrazioni riscontrate su sei mezzi controllati, per un totale per ora di 5mila euro di multa, ma «non è la cifra il dato più importante quanto invece le gravi mancanze nell'ambito della sicurezza dei piccoli passeggeri, questo ci ha lasciato perplessi, tanto che il Comune sarà interessato per le opportune valutazioni», hanno dichiarato Benvenuti e Di Legge. In tutto quattro mezzi su sei sono stati tolti immediatamente dalla circolazione e sostituiti: non potranno più circolare se non adeguati a norma di legge. 

benvenuti sordi di legge ok 2019-2Il 5 giugno alle 8 gli agenti si sono fatti trovare all'ingresso delle scuole Vittorino da Feltre, San Lazzaro, Don Minzoni e Gerbido, nel mirino sei bus. Una volta a bordo si sono trovati davanti a uno scenario che hanno definito «allarmante e critico».«In un caso  - spiegano - il mezzo del 2003 presentava le 4 cinture presenti (così era uscito dalla casa madre) legate sotto il sedile dei seggiolini con delle fascette, in un altro stesso copione: cinture legate sotto, srotolate, e addirittura gli agganci sul corridoio erano stati divelti perché "davano fastidio", hanno dichiarato gli autisti ai poliziotti. Non solo, il meccanismo che permette in caso di emergenza di attivare l'apertura delle porte dall'interno era guasto. Una delle maniglie di sblocco si è rotta appena girata, l'altra non era nemmeno collegata. In entrambi i casa mancavano anche i martelletti per infrangere i vetri, rendendo di fatto il mezzo una trappola», hanno detto.

«Mancavano anche le cassette del pronto soccorso che sono obbligatorie e gli estintori o non c'erano o erano scaduti.  Sullo scuolabus di Gerbido invece sono state riscontrate solo mancanze documentali di tipo amministrativo», hanno proseguito. Gli agenti della Locale invece hanno controllato altri mezzi trovando alla guida un autista sprovvisto della patente necessaria per guidare il bus: gli era scaduta ad aprile e non era mai stata rinnovata, i martelletti per rompere i vetri erano stati chiusi in un cassetto e quindi non raggiungibili velocemente in caso di emergenza, il parabrezza e il lunotto incrinati, più altre mancanze sempre di tipo documentale. Tutti gli autisti sono risultati negativi all'alcol test.  «Questi controlli continueranno nei prossimi mesi e riguarderanno, come già fatto a Rivergaro, anche i pullmann per le gite scolastiche. La sicurezza dei ragazzi è fondamentale.  Dopo il caso del bus dirottato a Milano, in tutta Italia sono stati aumentati esponenzialmente i controlli con la collaborazione e la sinergia tra i vari ministeri coinvolti. La tolleranza è zero». ha fatto sapere il capo di Gabinetto, Filippo Sordi. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • «Salvini con il rosario in mano? A Cortemaggiore si è anche inginocchiato in chiesa, magari facessero tutti così»

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Massimo scrive a Perazzi: «Abbiamo litigato poi è scappata e non l'ho più vista»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento