Bobbio: giro di vite su sicurezza, Trebbia, consumo e vendita di alcol

Il regolamento di polizia urbana e rurale e per la convivenza in città, approvato il 1 marzo dal Consiglio comunale di Bobbio, redatto dal sindaco Roberto Pasquali e dalla polizia municipale è composto da quarantacinque articoli. E' scaricabile sul sito del comune

Bobbio

Il regolamento di polizia urbana e rurale e per la convivenza in città, approvato il 1 marzo dal Consiglio comunale di Bobbio, redatto dal sindaco Roberto Pasquali e dalla polizia municipale è composto da quarantacinque articoli e indica "nel rispetto dei principi costituzionali e della legge, le norme e i comportamenti necessari per la serena e civile convivenza nella città di Bobbio, favorendo una permanente vicinanza tra il Comune ed i cittadini, al fine di garantire la libertà di ciascuno nel rispetto di quella di tutti.

In particolare, il Regolamento detta le disposizioni per evitare danni o pregiudizi alle persone o alle cose, tutelare la tranquillità sociale, garantire la fruibilità e il corretto uso del suolo pubblico e dei beni comuni e favorire e promuovere la qualità della vita". Il regolamento si suddivide nelle seguenti parti: disposizioni generali, convivenza civile, igiene, bellezza, senso civico e di appartenenza,  sicurezza urbana, tranquillità delle persone, attività lavorative e sanzioni. Il testo completo è scaricabile in formato pdf sul sito del Comune. Giro di vite su consumo di alcol, sicurezza, artisti di strada e meretricio. 

Con l'avvicinarsi della stagione estiva molto spazio è dedicato al fiume Trebbia: "Fatte salve le norme di legge statali e regionali, al di fuori dei casi espressamente autorizzati e ferme restando le maggiori sanzioni penali, nell’alveo di corsi d’acqua non sono consentiti comportamenti che non rispettino l’ambiente o possano mettere a rischio l’incolumità personale. In particolare, sono vietati i seguenti comportamenti: gettare rifiuti di qualsiasi tipo e accatastare oggetti di qualsiasi genere nell’alveo o nel corso del Fiume Trebbia o nei torrenti all’interno del territorio del Comune, il bivacco in qualsiasi forma, il pernottamento, l’installazione di tende o di strumenti o attrezzature da campeggio. E' vietata la balneazione e l’accesso all’interno del Fiume Trebbia agli animali da compagnia, in particolare ai cani di qualsiasi taglia, lungo tutto il tratto di competenza territoriale del Comune di Bobbio dalle ore 8 alle ore 20 tutti i giorni della settimana dal mese di maggio al mese di settembre. Sono fatte salve tutte le disposizioni sul governo degli animali da compagnia sulle aree pubbliche di cui all’art.13 del presente Regolamento. I tratti di Fiume Trebbia dove sarà permessa la balneazione degli animali saranno individuati da apposita ordinanza sindacale. I proprietari dei corsi d’acqua privati sono obbligati alla manutenzione degli stessi al fine di evitare esondazioni ed allagamenti". 

ARTISTI DI STRADA -  "Non è consentito esercitare l’attività di artista di strada all’interno del Centro Storico, nelle zone limitrofe agli ospedali ed alle scuole, durante l’orario delle lezioni, quando la stessa rechi danno o pregiudizio alla normale attività di tali servizi. L’occupazione dello spazio in strada da parte dell’artista e dell’eventuale strumento od apparato utilizzato allo scopo, non rientra nella normativa che disciplina l’occupazione del suolo pubblico purché non superi, nel complesso 4 metriquadrati   sia costituita da materiale leggero, facilmente spostabile, attinente all’esibizione. L’occupazione temporanea del suolo pubblico è da ritenersi, pertanto, a titolo gratuito purché non si superino i 30 minuti di permanenza.  Le esibizioni non devono impedire la visibilità delle vetrine, né ostacolare gli accessi agli esercizi commerciali, artigianali o ad altre attività aperte al pubblico, o intralciare la circolazione veicolare o pedonale. Spetta comunque agli artisti stessi l’obbligo di mantenere adeguatamente pulita e libera da rifiuti, liquidi o altri oggetti insudicianti, l’area interessata dall’attività in questione. L’eventuale offerta di denaro, da parte del pubblico, dovrà essere una libera elargizione.  L'artista deve presentare richiesta di nulla osta in carta libera all’ufficio competente, indicando il luogo, la durata e gli orari dell'occupazione, le relative dimensioni, il tipo di attività. L’ufficio rilascia nulla osta e un tesserino di riconoscimento che consente l’esercizio dell’attività per un periodo massimo di sei mesi. Per la promozione delle attività commerciali è consentito l’accordo con un artista di strada, che a tal fine può esibirsi nei pressi del negozio, senza arrecare pregiudizi di alcun tipo ai cittadini o alle attività limitrofe. Non sono consentite attività che comportino l’utilizzo di animali, l’esecuzione di giochi o attività che possano configurare il reato di gioco d’azzardo previsto dal vigente Codice Penale oppure altre che approfittino della buona fede ed ingenuità della gente". 

BEVANDE DA ASPORTO IN VETRO E ALCOL - Sono previste disposizioni volte a tutelare l’incolumità e il diritto alla quiete delle persone. In particolare dalle 24 alle 7 in tutto il centro storico e in tutte le piazze, è vietata la vendita per asporto di bevande in contenitori di vetro, da parte degli esercenti che svolgono la propria attività commerciale in sede fissa o su aree pubbliche, in laboratori artigianali ed esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, circoli privati, discoteche e attività similari operanti nelle zone in questione. Fa eccezione il servizio effettuato presso il domicilio privato del cliente. In tutto il centro storico e in tutte le piazze in occasione di tutte le manifestazioni autorizzate, è vietato il consumo e la vendita di bevande alcoliche e non alcoliche in contenitori di vetro comunque acquisiti e nei dehors annessi ai pubblici esercizi. E’ vietata la vendita e la somministrazione di alimenti o bevande in contenitori di vetro agli organizzatori delle manifestazioni, feste o sagre autorizzate dal Comune in occasione delle stesse. E’ sempre vietata la somministrazione di alcolici da parte dei pubblici esercenti a persone che presentano sintomi manifesti di ubriachezza o stati di ebbrezza alcolica. Sono, in ogni modo e a qualsiasi ora, vietati la vendita ed il consumo di alcolici per i minori di sedici anni. E’ vietata l’organizzazione di gare di consumo di alcolici negli esercizi pubblici e nei circoli privati.

MERETRICIO - Al fine di scoraggiare il meretricio e la consumazione di atti sessuali in area pubblica che ledano il comune senso del pudore su tutto il territorio comunale è vietato concordare prestazioni sessuali con soggetti che esercitano l’attività di meretricio su strada o che, per il loro atteggiamento, abbigliamento e modalità di approccio, manifestino l’intenzione di offrire prestazioni sessuali, ai conducenti di veicoli di effettuare fermate, anche di breve durata, di accostarsi, di eseguire altre manovre, al fine di richiedere informazioni, contrattare, concordare prestazioni sessuali con soggetti che esercitano l’attività di meretricio su strada o che, per il loro atteggiamento, abbigliamento e modalità di approccio manifestino l’intenzione di offrire prestazioni sessuali, fuori dai casi previsti dagli artt. 527 e 726 c.p., intrattenersi sul demanio pubblico, su spazi aperti al pubblico o visibili al pubblico del territorio comunale, con persone dedite alla prostituzione, fuori dai casi previsti dagli artt. 527 e 726 c.p., intrattenersi sul demanio pubblico, su spazi aperti al pubblico o visibili al pubblico del territorio comunale al fine di consumare atti sessuali che ledano il comune senso del pudore turbando la convivenza civile. 

SICUREZZA URBANA - Al fine di tutelare la Sicurezza Urbana e il quieto vivere della popolazione, nonché salvaguardare l’incolumità degli astanti alle manifestazioni di interesse pubblico è fatto divieto assoluto alle persone che risultino recidive alle fattispecie di cui agli articoli 4, 16, 17 del presente regolamento di partecipare ad eventi e manifestazioni pubbliche patrocinate od organizzate dal Comune di Bobbio o da associazioni autorizzate dall’Ente, il divieto di cui sopra viene applicato anche a tutti coloro che siano stati segnalati all’autorità giudiziaria per le fattispecie di cui agli artt. 588 (rissa) – 635 (danneggiamento) - 688 (ubriachezza manifesta) del Codice Penale, scaturiti da episodi avvenuti nell’ambito di manifestazioni pubbliche di qualsiasi genere tenutesi all’interno del Comune di Bobbio, viene inoltre imposto il divieto assoluto di partecipare alle manifestazioni in oggetto a tutti coloro che siano stati colpiti da Ordine di Allontanamento (ODA) o DASPO URBANO ai sensi del D.L. 14/2017 (Decreto Minniti) e successive modificazioni, il provvedimento di divieto, a firma del Sindaco, verrà notificato ai destinatari nelle modalità previste dalla legge dalla Polizia Locale entro il termine massimo delle 24 ore precedenti alla manifestazione, Sono fatti salvi tutti i provvedimenti disposti dal Questore ai sensi del D.L. 14/2017 e successive modificazioni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • La sorella di Elisa scrive a Massimo Sebastiani: «Piangi? Ormai sei il mio incubo»

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • «Salvini con il rosario in mano? A Cortemaggiore si è anche inginocchiato in chiesa, magari facessero tutti così»

  • Per alcune notti Massimo ha vegliato Elisa nel bosco e ha dormito accanto al suo corpo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento