Bobbio, si riapre la frana a San Cristoforo: quindici persone isolate

Melma, fango e detriti stanno lentamente sgretolando la montagna: frazioni "isolate" dal mondo. Si aspetta la protezione civile

Circa quindici persone isolate, dal mese scorso. Una montagna che si sta sgretolando, lentamente, eruttando in continuazione melma, fango, detriti, sassi. Sono giornate di paura, queste, per i residenti nelle frazioni di San Cristoforo e Mogliazze, sopra Bobbio. 

Sono due le frane segnalate: una prima "colata" di fango ha interrotto tutti i collegamenti, rovinando sulla strada comunale. Una seconda, invece, udita chiaramente da alcuni cacciatori nei giorni scorsi nella zona, ha addirittura bloccato alcune macchine tra le sassaiole. I residenti nelle frazioni di montagna sono isolati. Lo riporta con un dettagliato articolo Elisa Malacalza su Libertà.

Una donna è riuscita a raggiungere l'ospedale, avendo necessità di impellenti cure mediche, solo dopo una settimana. Altri abitanti segnalano un paesaggio "apocalittico", con fango, ghiaccio, alberi abbattuti, come fosse il risultato di una scossa tellurica. Gli amministratori di Bobbio, dopo aver contattato la protezione civile, stanno aspettando una risposta per la messa in sicurezza della strada, ormai cosa sempre più necessaria visto il rischio, per nulla remoto, di altre frane. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

  • «Due nuovi casi positivi all'ospedale di Piacenza: contagiati dal focolaio lombardo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento