Botte alla moglie se non versava lo stipendio, marito-padrone condannato

Un 50enne della Valdarda è stato condannato a 6 anni e 5 mesi per maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni ai figli

(Repertorio)

Un altro dei tanti, troppi, casi di violenze in famiglia si è concluso nelle aule del Tribunale. Un 50enne è stato condannato a 6 anni e 5 mesi per maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni ai figli. Botte alla moglie se non gli dava lo stipendio, atteggiamenti da padre e padrone anche davanti ai figli, secondo l’accusa. L’uomo è stato, invece, assolto dai reati di stalking e lesioni (la moglie aveva rimesso la querela). La sentenza è stata emessa il 30 ottobre dal giudice Gianandrea Bussi, che ha presieduto il collegio con i giudici Laura Pietrasanta e Sonia Caravelli. Il pm Matteo Centini aveva chiesto la condanna a 9 anni e 3 mesi, ma l’assoluzione dallo stalking.

«Pena eccessivamente severa» secondo la difesa, con gli avvocati Stefano Moruzzi e Francesco Paolicelli. I difensori valuteranno il ricorso in appello dopo aver letto le motivazioni. Per l’uomo resta il divieto di avvicinamento alla donna e di risiedere nel paese. Tuttavia è in corso un tentativo di riappacificazione, per cercare di tornare a una convivenza basata sul rispetto.

Il 50enne, che lavora come camionista, risiedeva cola famiglia in alta Valdarda. Originario della Sicilia, era stato denunciato dalla moglie ai carabinieri e accusato, in seguito, dalla procura di tenere atteggiamenti da padre-padrone. Secondo il pm, per affermare la propria personalità avrebbe vessato e malmenato la donna chiedendo di versare in casa lo stipendio. Un comportamento che aveva tenuto anche con i figli, arrivando a picchiarne uno anche con un bastone. Una vita resa difficile da anni di atteggiamenti violenti, che si sarebbero verificati dal 2010 al 2017 (anche se il giudice ha reputato che i reati siano stati commessi solo in una parte di quel periodo). La procura aveva contestato i fatti fin dal lontano 1992. Venticinque anni di inferno, che si sono conclusi lo scorso anno, quando all’uomo venne vietato di avvicinarsi alla sua famiglia e venne stabilito che non doveva più abitare in paese.

Secondo la difesa, invece, il suo modo di comportarsi non era finalizzato all’ottenimento del denaro, ma solo all’affermazione di sé e del suo ruolo di capofamiglia. E per farlo, il 50enne avrebbe più volto picchiato la moglie e usato modi autoritari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i due avvocati, non si sarebbe verificato quello stato di soggezione dei familiari che arrivava ai maltrattamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

Torna su
IlPiacenza è in caricamento