homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Lo costringevano a leccare le loro scarpe: "bulli" rinviati a giudizio

Nove ragazzi accusati di atti di bullismo avvenuti a fine 2008 nei confronti di un compagno di scuola sono stati rinviati a giudizio dal tribunale dei minori di Bologna, accusati di violenza privata rischiano anche 4 anni di carcere

Sono stati rinviati a giudizio ieri dal tribunale dei minori di Bologna i nove ragazzini accusati di bullismo nei confronti di un quindicenne loro compagno di classe. I fatti, avvenuti a fine 2008, come riporta Libertà di oggi, sarebbero avvenuti in un istituto superiore di Piacenza. Per l'accusa questi bulli costringevano la vittima a leccare le loro scarpe, lo avrebbero appeso per i boxer almeno 6 volte, lo avrebbero costretto a prendere a testate il muro della palestra e coperto con un copricapo lo avrebbero preso a calci e pugni, oltre che continue e ripetute umiliazioni e vessazioni.

Particolare che fa indignare, come scrive Ermanno Mariani su Libertà, è che i ragazzi accusati  riprendevano tutto con il cellulare facendo video da far vedere come trofeo. Lo studente dopo queste umiliazioni aveva cominciato a non voler andare più a scuola e solo dopo qualche tempo si è confidato con la madre che ha proceduto, rivolgendosi alla polizia la quale ha dato il via alle indagini.

A guidare il gruppo dei "persecutori" era un ragazzo, già sospeso più volte dall'istituto perchè si era già reso protagonista in passato di altre malefatte. Ora, i bulli, sono accusati di violenza privata  e rischiano pene fino ai quattro anni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Che si sono presentati in giacca e cravatta , mortificati, accompèagnati dai genitori e nonni. Spero soltanto che siano stati accompagnati, come sarebbe successo nel mio caso, a calci nel sedere e non coccolati. Nota a margine in galera ci metterei pure i genitori visto che in famiglia nn gli hanno insegnato nulla. Forse che i padri erano peggio ??

    • Grazie a dio ho figlie femmine. Se un maschio fa una roba del genere lo riempio di botte. Altro che cravatta.

    • chi l'avrebbe mai detto ... mi trovo d'accordo con te :) > Che si sono presentati in giacca e cravatta , mortificati, accompèagnati dai genitori e nonni. > > Spero soltanto che siano stati accompagnati, come sarebbe successo nel mio caso, a calci nel sedere e non coccolati. Nota a margine in galera ci metterei pure i genitori visto che in famiglia nn gli hanno insegnato nulla. Forse che i padri erano peggio ??

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Umilia e minaccia la moglie per mesi: 49enne allontanato da casa

  • Incidenti stradali

    Violento tamponamento a Gossolengo, auto finisce fuori strada: tre feriti

  • Cronaca

    In vespa ubriaco sulla via Emilia Pavese: 40enne denunciato

  • Cultura

    Ferriere Sport Camp: novecento persone ospitate in un'estate

I più letti della settimana

  • Appartamento in fiamme, 74enne muore carbonizzata. Carabiniere salva un'anziana invalida

  • Si ribalta con l'auto in via Motti, ferito un uomo

  • Donna di 54 anni trovata morta in casa dopo settimane

  • Travolta mentre attraversa con la spesa. Grave una donna

  • Piacentina vittima del terremoto: donna trovata sotto le macerie di Amatrice

  • Farini, Tir carico di massi si ribalta. Vigili del fuoco al lavoro

Torna su
IlPiacenza è in caricamento