Cane abbattuto, «Impossibile recuperarlo, il veterinario ha agito secondo la legge»

Jeff, un Golden retriever, aveva un difetto congenito cerebrale, responsabile di crisi d'assenza cognitiva (crisi epilettica) durante i quali avvenivano assalti imprevedibili e morsicature multiple gravi, fuori contesto. Dopo lo scontro in tribunale, il giudice ha archiviato il caso

Un Golden retriever

Soppressione di un cane su parere di un veterinario Ausl, archiviazione del procedimento penale. "Il dottor Carlo Riccio era stato accusato di maltrattamento animali per aver emesso, quale compito di istituto, un parere che ha comportato la soppressione di un cane, al canile comunale. Rispetto all’esposto presentato da un’associazione locale (Arca di Noé), la Procura aveva esaminato gli atti e non era risultata alcuna irregolarità. Il caso era quindi stato archiviato.  La stessa associazione che aveva sollevato la questione, aveva però posto opposizione a tale atto d’archiviazione, comportando prosieguo del procedimento. Nei giorni scorsi il Giudice del Tribunale ha sentito le parti e riesaminato gli atti, emettendo conferma dell’archiviazione riconoscendo le accuse prive di adeguato fondamento, e confermando pienamente rispettati dal medico veterinario i disposti normativi sul benessere animale". Si legge in una nota dell'Ausl. 

"La soppressione del cane, di nome Jeff, é finita più volte in cronaca locale; ora che il procedimento è stato archiviato, è opportuno anche chiarire che tale la decisione si è basata su elementi oggettivi. L’impossibilità di un recupero è stata decisa sulla base di una diagnosi nosografica di un difetto congenito cerebrale, responsabile di crisi d’assenza cognitiva (crisi epilettica) durante i quali avvenivano assalti imprevedibili e morsicature multiple gravi, fuori contesto, cioè che non dipendevano da nessuna azione esterna. La diagnosi è risultata possibile solo dopo 6 mesi di tentativi e solo al terzo episodio di lesioni da morso, due dei quali ai danni di esperti di cani. Ai tempi della vicenda, questa malformazione non era ancora stata citata in letteratura se non nel Cocker spaniel; successivamente è stata però scoperta (J.Dehasse) in una linea genetica proprio in cani Golden retriever, la razza di Jeff".

"Il livello di pericolosità dell’animale era da ritenersi letale. Un canide di 20 kg può uccidere e sbranare un giovane cervo di 100. Un Golden retriever come Jeff, giovane adulto di 35 kg atletico, perfetto sul piano muscolo scheletrico, senza rendersene conto avrebbe potuto infliggere lesioni mortali a chiunque. Fuori dalla breve crisi cerebrale, gli esami non potevano rilevare nulla, rendendo ancora più inaccettabile la pericolosità del caso. L’uso di farmaci sarebbe stato considerato una forma di accanimento terapeutico: non esistono antiepilettici che avrebbero potuto garantire la non ricomparsa di altri episodi. Il difetto di Jeff non avrebbe potuto essere risolto nemmeno chirurgicamente: 3 neuroni difettosi sui 10 miliardi del cervello del cane, non sono né individuabili e tanto meno asportabili".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per un veterinario, inoltre, è essenziale l’applicazione della normativa sui bisogni del cane, tra i quali, essenziali come la fame e la sete, sono le relazioni sociali, per Jeff impossibili, a vita. Nessuno avrebbe più potuto giocare con lui, perché anche l’imbragatura più protettiva ha dei punti deboli, soprattutto se i morsi sono imprevedibil-mente diversi rispetto a quelli inferti dai cani mentalmente sani". Conclude. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

Torna su
IlPiacenza è in caricamento