Caos al processo in tribunale, tunisino denunciato per oltraggio a magistrato

Dopo il caos in Tribunale dove i tre arrestati hanno cercato di picchiarsi ancora e hanno colpito i poliziotti con i calci

I soccorsi e le forze dell'ordine sul posto

Sarà denunciato alla procura di Ancona, per oltraggio a magistrato in udienza, il tunisino arrestato dalla polizia il 17 maggio. L’uomo si era reso protagonista di una rissa in via Torricella, insieme con un algerino e un marocchino, e i tre si erano feriti a vicenda con un coltello e un taglierino. Processati sabato 18 per direttissima, i tre - nonostante le manette - hanno cercato di aggredirsi in Tribunale. I poliziotti che hanno cercato di contenerli sono stati colpiti da alcuni calci, mentre il tunisino ha anche inveito contro il giudice Laura Pietrasanta, dicendo “giudici di merda”. Il pm Antonio Colonna ha così aperto un fascicolo che verrà inviato alla procura di Ancona, competente per gli eventuali reati commessi da o contro i magistrati piacentini. Inoltre, i poliziotti che hanno ricevuto i calci potrebbero denunciare i tre per resistenza e lesioni. Si aggrava così il quadro di accuse nei confronti dei tre, che dopo l’udienza sono tornati in carcere. Il terzetto di nordafricani, con precedenti penali per spaccio, non poteva più nemmeno restare in Italia, perché tutti e tre erano già stati raggiunti da un provvedimento di espulsione, mai rispettato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il fungaiolo disperso in Valdaveto

  • Il "Borgo dei borghi" 2019 è Bobbio

  • Lo abbraccia e lo rapina del Rolex da 30mila euro

  • Gli alpini invadono Piacenza: la festa è grande!

  • Piacenza e provincia: gli eventi da venerdì 18 a domenica 20 ottobre

  • Esce di casa per andare a funghi e sparisce, ricerche in corso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento