Carabinieri feriti, denunciato un 42enne: è positivo alla cocaina e agli oppiacei

Un 42enne di Podenzano originario di Lecco, è stato denunciato per danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e simulazione di reato e segnalato come assuntore di stupefacenti alla Prefettura. Ai carabinieri avrebbe detto: «Non sono stato io, mi hanno rubato l'auto»

L'auto

Carabinieri travolti da un auto in fuga. Avrebbe chiamato in questura per denunciare il furto, mai avvenuto, della propria auto, poi si sarebbe presentato, con la moglie, in via Don Beotti dove però ha trovato, ovviamente, i carabinieri: «Mi hanno rubato la macchina» avrebbe detto, ma non è stato creduto. Un 42enne di Podenzano originario di Lecco e incensurato, è stato denunciato per danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e simulazione di reato e segnalato come assuntore di stupefacenti alla Prefettura. Riconosciuto come l'uomo alla guida della Renault Clio che la notte del 21 febbraio al termine di un inseguimento ha travolto la Fiat Punto dei carabinieri di San Giorgio, è stato sottoposto agli esami del sagnue che hanno dato esito positivo per cocaina e oppiacei. La sua posizione è tuttora al vaglio e le indagini dei carabinieri, coordinate dal sostituto procuratore Antonio Colonna, sono ancora in corso. L'uomo dopo una manovra strana a Gariga sulla provinciale 654 non si era fermato all'alt intimato dai carabinieri, ne era nato un inseguimento fino in città: vie e rotonde imboccate contromano e a folle velocità fino a quando in via Nastrucci alla Farnesiana, in un parcheggio senza uscita nel tentativo di scappare ha accelerato e ha travolto la Fiat Punto dei carabinieri di San Giorgio, ferendoli. Dopo qualche metro, in via Don Beotti, braccato dal Radiomobile e dai poliziotti delle volanti, aveva abbandonato l'auto ed era scappato a piedi per poi ricomparire qualche ora dopo. Nella vettura i militari avevano trovato un portafoglio con i suoi documenti, uno zaino con alcuni libri di scuola del figlio, una siringa sotto il sedile e pare tracce di sangue che saranno analizzate. La Clio è stata sequestrata, le indagini sono in corso e la sua posizione è al vaglio. Il brigadiere e l'appuntato scelto hanno riportato diversi traumi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Treno di pendolari colpito dal carrello di un treno merci, quattro feriti

  • Gazzella dei carabinieri travolta da un'auto durante un controllo

  • A 17 anni scappa dalla polizia e si schianta contro il guard rail

  • Trova tre ladri in casa di notte, fa a botte e ne blocca uno. Arrestato un 31enne clandestino

  • Muore due giorni dopo l'incidente in scooter, tre paesi in lutto per "Bicio"

  • Spunta un quadro nel giardino della Ricci Oddi, è identico al Klimt

Torna su
IlPiacenza è in caricamento