giovedì, 31 luglio 31℃

La ex vicecomandante della Municipale condannata a 3 anni e 6 mesi

Carla Grilli è stata condannata. La pena è di 3 anni e 6 mesi con l'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. La vicecomandante dovrà risarcire il Comune di 20mila euro e di 5 mila euro per spesa di assistenza

Giacomo Londra 12 luglio 2012
10

Carla Grilli è stata condannata. La pena è di 3 anni e 6 mesi con l'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. La ex vicecomandante dovrà risaricire il Comune di 20mila euro e di 5 mila euro per spesa di assistenza. Il collegio ha inoltre ritenuto falsi gli atti di due ricorsi del Comune al giudice di pace e falsa la costituzione di altri 2 atti che riguardavano permessi per la Ztl e per pass ivalidi. Grilli però è stata assolta per 3 capi di imputazione sempre riguardanti multe. L'avvocato difensore ha annunciato ricorso in Corte di appello dopo la lettura dellle motivaizoni della sentenza che saranno rese note tra 90 giorni. La parte civile rappresentata dall'avvocato Elena Vezzulli aveva chiesto la sospensione dai pubblici uffici e un risarcimento totale, sia per il danno patrimoniale sia per le indagini svolte e sia per il danno d'immagine di 69mila euro. L'avvocato difensore aveva chiesto l'assoluzione.

Due ore ciascuno hanno impiegato il pubblico ministero Antonio Colonna e l’avvocato Domenico Maria Chindamo per convincere, rispettivamente, il collegio dei giudici (presieduto da Italo Ghitti, a latere Elena Stoppini e Maurizio Boselli) che Grilli andava condannata e che era, invece, da assolvere. Grilli era accusata di alcuni episodi di falso, per aver favorito alcuni amici davanti al Giudice di pace. Secondo la procura, nei ricorsi al Comune scriveva che un ricorso era inammissibile, mentre in quello al Giudice di pace sosteneva l’ammissibilità. Atti che sono stati compiuti tra il 2003 e il 2005.

GRILLI. L’ultimo atto del processo di primo grado è andato in scena ieri e si aperto con la deposizione del commissario capo della Polizia Municipale. Grilli ha difeso la bontà delle proprie azioni, sostenendo di non aver commesso alcun falso. «Anzi, ho cercato di far recuperare al Comune le spese di notifica». Il commissario è rimasto in aula tutto il giorno e ha sopportato la tensione della lunga attesa, che si è prolungata anche per la sentenza. Il verdetto era atteso per le 18.30, ma i giudici hanno letto la sentenza alle 19.30.Le sentenze, ha ricordato l’imputata, erano tutte visionate dall’ex comandante Carlo Sartori «ed era lui a decidere se proporre appello o meno». Poi, Grilli ha sottolineato - e in seguito lo ha fatto anche il legale - di aver trattato 35mila cause in sette anni «e un errore ci sta». Inoltre, è stata accusata di aver compiuto atti falsi in soli otto casi, di cui è stata condannata per quattro. La ex vice comandante ha poi spiegato nel dettaglio i casi in cui era accusata di aver favorito degli amici, negando gli addebiti.

COLONNA. Dura la requisitoria del pubblico ministero il quale ha esordito affermando che «i fatti sono dimostrati negli atti. C’è un’arroganza al limite della calunnia in ciò che Grilli ha detto, un’arroganza di chi tutela il potere. La connivenza e la complicità rendono odioso questo processo». Tutto parte, ha detto Colonna, dal caso dell’autista dell’ex sindaco Reggi. L’autista venne condannato perché aveva un pass per la Ztl, ma poi vi aveva inserito targhe di altri veicoli appartenenti ad amici. Le tante multe collezionate avevano poi portato tutto a galla, facendo scattare un’inchiesta.Il pm ha insistito molto sul concetto di falso, che ha indotto in errore anche i giudici di pace che si fidavano di lei. «Grilli - ha sottolineato - redigeva atti legittimi e opportuni non per tutelare il Comune, ma i suoi amici». Il pm ha ricordato il caso della donna dalla quale partì l’inchiesta per i pass rilasciati a falsi invalidi. Grilli aveva detto di non aver guardato in faccia la donna, facendo recuperare al Comune le spese di notifica. Il pm, invece, ha affermato, atti alla mano, che la notifica era stata inviata apposta a un indirizzo in cui la donna non viveva più da anni (Grilli, dal canto suo, ha sostenuto che le notifiche erano inviate da un sistema automatico di cui si serviva il Comune all’epoca). “Ci ha preso in giro” ha chiosato Colonna. «Non è vero che l’indirizzo era sbagliato, perché in un ricorso aveva messo l’indirizzo giusto, cioè quello della seconda casa in cui la donna si era trasferita». E ancora: «Al Giudice di pace dava la parvenza di una realtà che lo induceva a compiere un falso, mentre il Comune non sapeva quale atto fosse finito davanti al giudice». E questo perché, ha ricordato Colonna, preparava due atti: quello per il Comune prevedeva l’inammissibilità di un ricorso, quello per il Giudice di pace l’ammissibilità. I giudici, secondo la pubblica accusa, erano appiattiti sulla Grilli, perché si fidavano.

LA DIFESA. «Il collegio giudicante ha un grosso fardello: mettere ordine nel caos» ha esordito l’avvocato Chindamo, il difensore di Grilli. Il legale ha ribattuto colpo su colpo alle accuse di Colonna. «La mia assistita - ha continuato - ha solo rappresentato il Comune davanti al giudice, vincendo il 95 per cento dei ricorsi. Le indagini svolte dalla Polizia Municipale hanno portato ad avere dubbi su otto casi e ritengo che ci siano state presunte agevolazioni solo su tre». Alcune sanzioni sono state annullate in autotutela, ha ricordato Chindamo. «Ma i dubbi ci sono solo per i casi di Grilli, non per i due ricorsi in autotutela vinti da un funzionario dell’Agenzia delle Entrate e da un appartenente alla Guardia di finanza, ricorsi firmati dal comandante Boemi. In questo caso va bene». Sulle notifiche inviate a un indirizzo vecchio, la toga ha ricordato che hanno valore solo gli atti depositati davanti a un giudice, con tanto di timbro: e l’indirizzo nuovo era quello che era stato segnato, ha detto replicando al pm Colonna. Non si possono cioè ritenere atti pubblici quelli lasciati in Comune, in particolare i ricorsi che venivano preparati in copia. Si è trattato solo di errori. Quando Grilli controllava la regolarità dei permessi per la Ztl chiedeva a Tempi. «Dov’è il falso?». E poi: «Si dice che Grilli ha favorito un’amica. Ma se ha giudicato il ricorso inammissibile davanti al giudice?». L’avvocato ha poi evidenziato come, durante le indagini, la Polizia municipale abbia trovato 161 accertamenti senza timbro, depositati al Giudice di pace. Atti che, però, non sono mai entrati nel processo.

Annuncio promozionale

LA PARTE CIVILE. «E’ stato creato un grave danno di immagine al Comune, ai dipendenti e alla Polizia municipale. Sono stati favoriti amici e commercianti vicini alla Grilli: che cosa penserà il cittadino?» ha sottolineato Elena Vezzulli, avvocato del Comune che si è costituito parte civile. «Occorrerà tempo per ricostruire la professionalità della Polizia municipale. Grilli aveva la fiducia di tutti i sindaci e i comandanti dei vigili dal 1996 a oggi, compresa quella dei Giudici di pace che la ritenevano attendibile» ha affermato. Poi, il legale si è associato alla richiesta di condanna del pm chiedendo al collegio di valutare la sospensione dei pubblici uffici (oggi Grilli è tornata in servizio), di risarcire 3.000 euro di danni patrimoniali, di pagare 26.900 euro per i vigili che hanno condotto le indagini e altri 30mila per danni di immagine, oltre a una provvisionale di 10mila.

Via Dante

10 Commenti

Feed
  • Avatar di ciccio ciccio

    ciccio ciccio mah, non assomiglia a romano prodi?
    comunque abbiamo un comandante dei vigli condannata per uso improprio dell'auto di servizio(non può usare la sua come migliaia di piacentini?)che è ancora al suo posto, un vicecomandante condannata ora, il comune rappresentato al processo da un ex comandante dei vigili.......poi dicono di rivolgersi con fiducia alle istituzioni. io non ho un'auto di servizio, multe da togliere, pass per invalidi da richiedere, a che mi servono le istituzioni?

    il 14 luglio del 2012
  • Avatar di Sante rossi

    Sante rossi Dio esiste !!!
    Controllate anche qualche altro graduato vigile a Piacenza .... ne usciranno delle belle...
    Pero' poi sig sindaco, bisogna escluderli dalla polizia municipale non le sembra giusto ?

    Bravo il giudice !!!

    il 14 luglio del 2012
  • Avatar di Bromuro di Potassio

    Bromuro di Potassio mado che faccia..

    il 13 luglio del 2012
  • Avatar di gee gee

    gee gee io che invece non ero sua amica, avei dovuto pagare oltre 10.000,00 euro per multe non dovute... e il ricorso al giudice di pace l'ho vinto per giusta ragione.... anche se -naturalmente- questa volta la signora aveva espresso parere opposto anche contro ogni evidenza (forse cercava di recuperare così i soldi che per dolo faceva perdere al Comune !!!!

    il 13 luglio del 2012
    • Avatar di Lavinia Rossi

      Lavinia Rossi Può cortesemente spiegare il come ed il perché, in sintesi, di tale ingente importo? Grazie.  

      il 14 luglio del 2012
    • Avatar di zorro zorro

      zorro zorro e la mad...... oltre 10.000 € di multe???e che hai fatto?hai guidato ubriaco,drogato, senza cintura,col telefonino,contromano, passando col rosso e con le gomme lise???

      il 13 luglio del 2012
      • Avatar di gee gee

        gee gee Semplicemente rinnovo del permesso ZTL come residente  che le signora non voleva considerare valido. Sono stata costretta a fare ricorso pur avendo esibito  tutte le prove,  che naturalmente invece il GDP ha accettato come buone. Adesso ho capito perché la comendante si ostinava!!!!

        il 15 luglio del 2012
  • Avatar di Lavinia Rossi

    Lavinia Rossi Ho seguito la vicenda e sono in parte dubbiosa. Perché due pesi e due misure per la Signora e per la Comandante? Non dico quel che penso della magistratura e degli amministratori passati(?), se non che passare per il tritatutto giudiziario fa mutare radicalmente giudizio sulla giustizia (?) ahimé defunta, sui reprobi felicemente impuniti e sugli onesti, lor sì, vessati.

    il 13 luglio del 2012
  • Avatar anonimo di La sentinella

    La sentinella Il difensore ha già preannunciato ricorso in Corte d'Appello a Bologna,e si arriva a novembre.
    Quanto durerà il nuovo processo?
    Se la condanna verrà confermata,nuovo ricorso in Cassazione.
    Quanto durerà l'ultimo grado di giudizio?
    Visti i tempi della giustizia civile,fra 4 o 5 anni avremo (forse) un verdetto definitivo.

    il 13 luglio del 2012
  • Avatar di cle ofe

    cle ofe Condannata per l'accusa di aver favorito amici.
    Per fortuna che era solo una mezza comandante: se a favorire gli amici fossero certi amministratori comunali, ti immagini quante condanne?

    il 13 luglio del 2012