Colpi di arma da fuoco contro l'agenzia delle Entrate

Due proiettili trovati stamattina conficcati nella facciata d'ingresso della sede in via Modonesi. Sul posto polizia scientifica e squadra mobile per le indagini. La struttura non è dotata di telecamere

Uno dei colpi conficcati nella porta dell'agenzia delle Entrate di via Modonesi (foto Gatti)

Atto intimidatorio nella notte contro la sede dell'agenzia delle Entrate di via Modonesi. Qualcuno ha infatti esploso due colpi di pistola calibro 7,65 colpendo il vetro sopra la porta d'ingresso e una vetrata. Sul posto questa mattina sono intervenuti gli agenti della polizia scientifica e i colleghi della squadra mobile che hanno avviato le indagini. I vigili del fuoco hanno invece messo in sicurezza la zona.

La stessa sede di via Modonesi era già stata al centro di un falso allarme bomba quest'estate. Gli spari sono stati esplosi ieri notte verso le 23, alcuni residenti hanno sentito il rumore ma non avrebbero chiamato le forze dell'ordine. A chiamare invece il 113 la direttrice dell'Agenzia questa mattina all'orario di apertura.

Piuttosto grave il fatto che la struttura, obiettivo sensibile specialmente negli ultimi mesi, non sia dotata di telecamere nonostante queste siano state più volte richieste dai direttori. Il direttore dell'Ufficio Territoriale, Maurizio Quercio dice: «Stamattina abbiamo trovato dei vetri per terra e abbiamo visto i due proiettili. Abbiamo comunque tenuto aperto e abbiamo continuato a lavorare. Certo un con un po' di apprensione, ma andiamo avanti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Al via anche a Piacenza l’indagine che mapperà il Covid, 700 le persone coinvolte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento