Con una scusa le rubano la collana e scappano via in auto, identificati e denunciati grazie alle telecamere

I fatti risalgono allo scorso novembre: tre persone, con la scusa di chiedere ad una 78enne alcune informazioni, riuscirono a derubarla della collana d'oro che indossava

Foto di repertorio

A novembre era stata derubata da tre sconosciuti della collana che indossava. Ora, dopo quattro mesi, i carabinieri della stazione di Villanova sono riusciti a dare un volto a queste persone e a denunciarli per furto. Si tratta di un 32enne e di due donne rispettivamente di 31 e 21 anni, tutti italiani e senza fissa dimora. Di grande aiuto alle indagini dei militari sono state le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza installate su tutto il territorio comunale e le testimonianze di alcuni cittadini.

Era lo scorso 12 novembre quando una 78enne nei pressi della chiesa della frazione di Cignano venne avvicinata da un’auto grigia di grossa cilindrata, con a bordo tre persone. Con la scusa di chiederle qualche informazione in pochissimi secondi una delle due donne, abbracciandola forse per salutarla, riuscì a toglierle la collana d’oro che indossava. Una volta resasi conto di essere stata vittima di un furto la 78enne aveva denunciato l’accaduto ai carabinieri della stazione. I militari, visionando prima i filmati delle telecamere e poi ascoltando alcuni testimoni che quel giorno avevano notato l’auto in paese, hanno raccolto più dettagli possibili per risalire al numero di targa dell’auto. Incrociando tutti i dati due giorni fa sono riusciti ad identificare i tre ladri e a denunciarli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbalzato dall’auto che si ribalta nel campo, muore un 51enne

  • Una coop creata per truffare lo Stato e fare soldi, 135 dipendenti senza contributi: scoperta maxi evasione

  • Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

  • Rapinato e picchiato sotto casa

  • Presidente del Vigolo aggredito a bastonate e rapinato, è grave

  • Investito da una fiammata, gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento