Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

La decisione in Prefettura dopo il secondo tavolo convocato sabato 22 febbraio: si tratta di una misura preventiva che non riguarda bar, ristoranti e pub. Chiuse tutte le scuole e le università, gli impianti sportivi, sospesi anche i mercati settimanali

Svolta nella gestione dell’emergenza Coronavirus nel Piacentino. Al termine del secondo summit avvenuto in prefettura nel pomeriggio del 22 febbraio, è stata disposta la chiusura sia in città sia in provincia di discoteche, sale da ballo, locali di pubblico intrattenimento e spettacolo. Esclusi dall’ordinanza bar, ristoranti, pub e negozi al momento. Si tratta di una misura preventiva e attuata in via cautelare, che resterà in vigore almeno fino al 25 febbraio, che vuole tutelare i cittadini. L'ordinanza entrerà in vigore dalla sera del 22 febbraio.  «Ricordo ai dipendenti  - spiega il sindaco e presidente della Provincia Patrizia Barbieri - che sono nei comuni vicini che sono oggetto di una ordinanza che vieta loro di poter uscire dai loro territori. Lo dico sia per il pubblico sia per il privato, hanno il dovere di stare a casa e sono in una situazione parificata alla malattia, non perderanno i diritti e li prego di attenersi a ciò».

L'ORDINANZA SINDACALE -  E’ stata firmata nella serata del 22 febbraio dal sindaco Patrizia Barbieri, l’ordinanza – immediatamente esecutiva – che sancisce la chiusura, sino a martedì 25 febbraio compreso, di tutte le sedi universitarie e delle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private (inclusi i centri di formazione e gli istituti musicali, gli asili nido e le scuole dell’infanzia), con conseguente sospensione dell’attività educativa, degli stage lavorativi e delle attività laboratoriali.

Contestualmente, resteranno chiusi le biblioteche comunali e i musei civici, nonché gli impianti sportivi pubblici e privati, con rinvio di tutte le manifestazioni sportive agonistiche e dilettantistiche previste nel periodo in cui è in vigore l’ordinanza.

E’ stata inoltre stabilita la chiusura, sempre sino a martedì 25 incluso, delle discoteche, dei locali da ballo e dei pubblici esercizi che esercitino attività di intrattenimento. Restano sospese, con rinvio a data da destinarsi, anche tutte le manifestazioni pubbliche, inclusi incontri e comizi pubblici, festeggiamenti previsti per il Carnevale e mercati settimanali sul territorio cittadino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tutti gli esercenti di attività imprenditoriali site a Piacenza, infine, si comunica che sono da considerarsi assenti giustificati dal lavoro, per riconoscimento dello stato di malattia ex lege, tutti i lavoratori dipendenti che risiedano nei Comuni indicati nell’ordinanza emanata dal Ministero della Salute

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • «Sto andando a medicare un mio amico perché è stato morso da uno squalo»: denunciato

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • Stop attività produttive non essenziali e assembramenti con più di due persone: nuova ordinanza antivirus a Piacenza

Torna su
IlPiacenza è in caricamento